domenica 11 dicembre | 08:03
pubblicato il 20/set/2013 20:54

Energia: Mise, discusso a Vilnius -40% gas serra entro 2030

(ASCA) - Roma, 20 set -Si e' svolto ieri e oggi a Vilnius, sotto la Presidenza Lituana, il Consiglio Informale Energia al quale, per il governo italiano, ha partecipato il Sottosegretario al Mise Claudio De Vincenti. Lo annuncia il Mise in una nota.

I temi trattati sono stati le relazioni tra l'Unione Europea e gli altri Stati in materia di energia, le ulteriori azioni per giungere al completamento del mercato interno dell'energia nel 2014 e la discussione sulle politiche del clima e dell'energia da adottare dopo il 2020.

Le priorita' individuate sono la completa attuazione delle misure comprese nel terzo pacchetto sulle liberalizzazioni dei mercati dell'energia, che l'Italia ha gia' recepito, la rapida attuazione del regolamento sulle infrastrutture di interesse comune europeo, di particolare rilievo per l'Italia, e le azioni da intraprendere per il mercato elettrico in materia di sistemi armonizzati di incentivazione per le rinnovabili e per garantire la adeguatezza della capacita' di generazione. Su quest'ultimo aspetto si e' registrata una generale convergenza sul fatto che eventuali misure di intervento non debbano in alcun modo avere effetti distorsivi della concorrenza sul mercato unico europeo.

Sugli obiettivi da fissare per la politica energetica oltre il 2020, la maggioranza degli interventi ha concordato sulla fissazione di un obiettivo vincolante ambizioso per la riduzione delle emissioni di gas serra, che potrebbe essere indicato in un taglio del 40% al 2030. Si e' registrata invece molta cautela e sono emerse critiche da parte di numerosi Stati membri circa ulteriori obiettivi vincolanti per rinnovabili ed efficienza energetica, considerate le diverse situazioni nazionali del mix energetico e la necessita' di valutare l'impatto sociale ed economico delle misure. De Vincenti ha pertanto proposto una mediazione tra le diverse posizioni attraverso l'affiancamento dell'obiettivo unico sulle emissioni con strumenti di intervento armonizzati a livello europeo circa le politiche settoriali (efficienza energetica e rinnovabili) e con piani nazionali contenenti le misure che ciascuno Stato membro si impegna ad adottare per raggiungere operativamente il target di emissioni, piani che verrebbero poi monitorati dalla Commissione.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina