sabato 10 dicembre | 23:33
pubblicato il 17/dic/2015 16:23

Energia, liberalizzazione mercato elettrico e tutela consumatori

Se ne è discusso al convegno di FareAmbiente-Flaei Cisl

Energia, liberalizzazione mercato elettrico e tutela consumatori

Roma, (askanews) - Coniugare liberalizzazione del mercato elettrico e tutela dei consumatori. Un tema diventato di strettissima attualità in vista della totale apertura del mercato prevista dal disegno di legge sulle liberalizzazioni che, da gennaio 2018, decreterà la fine del sistema di tariffe stabilite trimestralmente dall'Autorità dell'energia per portare tutti i consumatori ad entrare sul libero mercato. Se ne è discusso in un convegno organizzato da FareAmbiente e Flaei-Cisl da cui è emersa la necessità di rendere perciò i consumatori sempre più informati in questa fase di transizione fino al 2018 come sottolineato dal presidente di FareAmbiente, Vincenzo Pepe: "Noi sicuramente siamo per la liberalizzazione ma un tipo di liberalizzazione che non sia il far west o un cartello in cui il più debole soccombe sempre. Noi riteniamo che bisogna fare molta informazione per l'utente che deve sapersi districare nel mondo delle liberalizzazioni, deve saper leggere. Solo attraverso l'educazione all'energia si può fare una scelta consapevole e anche efficenza e risparmio energetico".

Del contributo all'abbassamento dei prezzi all'ingrosso dell'energia grazie alle rinnovabili, con effetti positivi sui clienti finali ha parlato Simone Tonon, portavoce del Comitato Energia da biomasse solide: "Come raggruppamento di produttori da biomasse e in generale come rinnovabili, riteniamo che il nostro settore, lato produzione, abbia portato un innegabile beneficio sui prezzi e quindi sul consumatore finale".

Bene dunque la liberalizzazione anche se con qualche riserva: "Siamo assolutamente favorevoli - ha detto Tonon - con qualche timore legato alle modalità con cui questa liberalizzazione verrà avviata. Nella fattispecie ci sono alcuni aspetti, come quello dei prezzi negativi che riteniamo non siano di beficio per il mercato e in particolare per i produttori e possano costituire delle rigidità".

Un ruolo importante è quello che Ignazio Abrignani, vicepresidente della commissione Industria della Camera, assegna all'Autorità dell'Energia nel suo compito di educare i cittadini nella transizione verso il libero mercato. "La conoscenza è fondamentale per fare scelte, per evitare di sbagliare. Ritengo che da qui al 2018 questa sarà l'operazione più grossa che per altro dovrà fare l'Autorità dell'energia".

Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina