domenica 04 dicembre | 02:49
pubblicato il 08/mar/2013 18:43

Energia: De Vincenti, decreto Sen atto dovuto dopo consultazione

(ASCA) - Roma, 8 mar - ''Il decreto interministeriale Mise-Ambiente per la Strategia Energetica Nazionale recepisce i numerosi contributi emersi dalla ampia e prolungata consultazione. Proprio per questo lo consideriamo un atto dovuto, per formalizzare l'apporto di quanti, proprio tanti, sono intervenuti nel dibattito''. E' quanto afferma il sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico, con delega all'energia, Claudio De Vincenti.

''La Strategia - prosegue - attesa da molto tempo, per la ricchezza delle analisi, delle indicazioni di prospettiva che contiene, e per la priorita' che assegna all'efficienza energetica e alla green economy, rappresenta un patrimonio che mettiamo a disposizione di tutti e in primo luogo del governo che verra', senza voler precostituire alcunche'''. Dopo aver ricordato che la consultazione sulla Sen e' durata quasi tre mesi, con il coinvolgimento di oltre cento realta'- tra istituzioni, associazioni di categoria e ambientaliste, parti sociali - De Vincenti informa che la Sen verra' presentata pubblicamente dai Ministri Corrado Passera e Corrado Clini giovedi' prossimo, 14 marzo. Immediatamente dopo, il testo sara' disponibile on line.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari