domenica 11 dicembre | 09:49
pubblicato il 09/feb/2013 12:00

Energia/ Authority: Alcune società scaricano Robin Tax su utenti

Aumento margini per quasi 1,6 mld legati ad effetto prezzo

Energia/ Authority: Alcune società scaricano Robin Tax su utenti

Roma, 9 feb. (askanews) - Alcune società energetiche scaricano i costi della maggiorazione Ires, la cosiddetta Robin Hood Tax, sui consumatori. E' quanto denuncia l'Autorità per l'energia elettrica e il gas in un rapporto sulle attività di vigilanza che evidenziano un aumento dei margini per quasi 1,6 miliardi di euro legati all'effetto prezzo. Queste imprese, rileva l'authority, "hanno continuato ad attuare politiche di prezzo tali da costituire una possibile violazione del divieto di traslazione, comportando comunque uno svantaggio economico per i consumatori finali". C'è tuttavia "un trend decrescente degli effetti prezzo a partire dal 2009 (secondo esercizio di applicazione dell'addizionale). Questo andamento, pur essendo un primo risultato a salvaguardia dei consumatori, "non ha ridotto in maniera significativa i casi di incremento dei prezzi riconducibili a possibili condotte traslative".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina