lunedì 20 febbraio | 19:29
pubblicato il 01/ago/2013 18:30

Enel: nel 1* sem utile netto stabile a 1,65 mld (1 update)

(ASCA) - Roma, 1 ago - Tengono i risultati di Enel nel primo semestre dell'anno nonostante l'indebolimento della domanda di energia e il contesto di prezzi in calo. Il gruppo ha realizzato un utile netto di 1,65 miliardi di euro, sostanzialmente stabile rispetto allo stesso periodo dello scorso anno a fronte di un ebitda che ha sfiorato gli 8,3 miliardi (-0,3%) e un risultato operativo a 5,16 miliardi (-4%). I ricavi nel periodo sono ammontati a 40,15 miliardi con una flessione dell'1,3%.

Enel indica che la lieve flessione del margine operativo e' connessa principalmente ad una riduzione del margine di generazione termoelettrica convenzionale in Italia e all'estero, parzialmente compensata dal miglioramento del margine da generazione da fonti rinnovabili e del margine sulle vendite ai clienti finali nel territorio nazionale. In particolare, si evidenzia che il margine operativo lordo dell'Area di business Mercato si attesta a 477 milioni di euro (+45,4%), quello dell'Area di business Generazione ed Energy Management a 667 milioni di euro (-3,9%), quello della Divisione Infrastrutture e Reti a 1.966 milioni di euro (-0,5%), quello della Divisione Iberia e America Latina a 3.614 milioni di euro (-1,6%), quello della Divisione Internazionale a 565 milioni di euro (-25,5%) e quello della Divisione Energie Rinnovabili a 973 milioni di euro (+20,6%).

Il risultato operativo del semestre ammonta a 5,16 miliardi, in calo del 4% rispetto all'analogo periodo del 2012, scontando maggiori ammortamenti e perdite di valore per 195 milioni di euro. Si segnala che tale ultimo incremento e' sostanzialmente attribuibile ai maggiori adeguamenti netti sul valore di crediti commerciali. Con riferimento ai risultati delle Divisioni, si segnala che il risultato operativo dell'Area di business Mercato si attesta a 190 milioni di euro (+50,8%), quello dell'Area di business Generazione ed Energy Management a 418 milioni di euro (+8,6%), quello della Divisione Infrastrutture e Reti a 1.479 milioni di euro (-2,4%), quello della Divisione Iberia e America Latina a 2.176 milioni di euro, quello della Divisione Internazionale a 262 milioni di euro (-56,0%) e quello della Divisione Energie Rinnovabili a 667 milioni di euro (+17,0%). Per quanto riguarda l'attivita', nel primo semestre la produzione netta complessiva del Gruppo Enel nei primi sei mesi del 2013 e' stata di 138,2 TWh (-6,8% rispetto ai 148,3 TWh del primo semestre dell'anno precedente), di cui 36,0 TWh in Italia e 102,2 TWh all'estero. Gli impianti del Gruppo Enel in Italia hanno prodotto 36,0 TWh, con una diminuzione di 2,1 TWh rispetto al primo semestre del 2012. La minore produzione degli impianti termoelettrici (-6,6 TWh) e' stata in parte compensata da una crescita della produzione da fonte idroelettrica (+4,3 TWh), grazie alle piu' favorevoli condizioni di idraulicita' registrate nel primo semestre 2013 rispetto all'analogo periodo dell'esercizio precedente. La domanda di energia elettrica sul mercato nazionale nei primi sei mesi del 2013 si e' attestata a 157,6 TWh, in diminuzione del 3,6% rispetto al corrispondente periodo del 2012, mentre le importazioni nette hanno registrato un decremento di 0,6 TWh (-2,6%). All'estero la produzione netta del Gruppo Enel nel primo semestre 2013 e' stata pari a 102,2 TWh, in diminuzione di 8,0 TWh (-7,3%) rispetto ai primi sei mesi del precedente esercizio. La riduzione e' da ricondurre principalmente alle minori quantita' prodotte da Endesa (-8,7 TWh), in particolare nella Penisola Iberica. L'energia elettrica vettoriata sulle reti di distribuzione del Gruppo Enel nel primo semestre del 2013 e' stata pari a 198,8 TWh, di cui 113,3 TWh in Italia e 85,5 TWh all'estero.

Nel mercato domestico i volumi di elettricita' distribuita sono diminuiti di 4,9 TWh (-4,1%) rispetto a quanto rilevato nello stesso periodo del precedente esercizio. L'elettricita' trasportata all'estero si e' attestata a 85,5 TWh, con una variazione di -1,9 TWh (-2,2%) rispetto ai primi sei mesi dello scorso anno principalmente per effetto del minor apporto di Endesa nella Penisola Iberica. did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Consumi
Cresce la fiducia, 1 italiano su 5 pronto a fare acquisti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia