lunedì 05 dicembre | 21:32
pubblicato il 09/gen/2013 19:39

Enel GP: Corte d'appello di Parigi conferma lodo arbitrale su LaGeo

(ASCA) - Roma, 9 dic - La Corte d'Appello di Parigi ha confermato ieri il lodo emesso dal Tribunale Arbitrale della Camera di Commercio Internazionale sul procedimento arbitrale internazionale instaurato da Enel Green Power contro Inversiones Energeticas (INE), suo partner in LaGeo, la joint venture per lo sviluppo della geotermia in El Salvador. Lo annuncia Enel GP spiegando che i giudici parigini hanno respinto l'appello di INE per l'annullamento del giudizio favorevole ad Enel Green Power, confermando che tale giudizio era stato emesso al termine di un giusto processo.

''La decisione della Corte d'Appello - sottolinea la societa' - riafferma il diritto di Enel Green Power di imputare a capitale gli investimenti effettuati in LaGeo, mediante la sottoscrizione di azioni di nuova emissione della stessa joint venture''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari