mercoledì 18 gennaio | 18:13
pubblicato il 28/gen/2014 16:32

Enel: Flaei-Cisl, per Porto Tolle progetti e sviluppo non solo inchieste

Enel: Flaei-Cisl, per Porto Tolle progetti e sviluppo non solo inchieste

(ASCA) - Roma, 28 gen 2014 - ''La centrale Enel di Porto Tolle continua ad essere oggetto di inchieste della magistratura, piu' o meno eclatanti, mentre poco o nulla si decide per gli interventi necessari, in un sito industriale importante, che potrebbero garantire bonifica, sicurezza ambientale, sviluppo e lavoro''. E' quanto sottolinea in una nota il Segretario generale della FLAEI-Cisl Carlo De Masi in merito alla notizia rilanciata ieri dall'edizione on line del Corriere della sera circa le richieste di condanna avanzate dal pubblico ministero nei confronti degli amministratori delegati e di un gruppo di dirigenti Enel.

''Non intendiamo minimamente entrare nel merito delle inchieste ambientali - precisa De Masi - sebbene queste finiscano molto spesso in nulla di fatto creando solo allarme sociale e compromettendo progetti industriali piu' di quanto alla fine producano in termini di reale tutela dell'ambiente.

Lo sviluppo ecosostenibile e' per noi un principio inderogabile, d'altro canto e' senza dubbio possibile dar vita a progetti e scelte industriali moderne e innovative nel pieno rispetto del territorio, dell'ambiente e delle popolazioni''.

''Auspichiamo che della centrale Enel di Porto Tolle si parli per fatti concreti, oltre che per le inchieste.

Concreta e' l'opportunita' - ribadisce il Segretario Generale - di realizzare lo smantellamento di una parte dell'impianto ormai obsoleto attraverso imprese locali. Questo progetto a costo zero per l'Enel conseguirebbe il duplice obiettivo di garantire da un lato lavoro per centinaia di addetti, finanziato con il riciclo di larga parte dei materiali e degli impianti da dismettere, dall'altro una seria bonifica ambientale e messa in sicurezza, con positive ricadute sia per i futuri progetti del sito industriale sia per le collettivita' locali''.

''Ci auguriamo che questo progetto sostenuto dalla FLAEI e dalla Cisl - prosegue De Masi - possa trovare immediati sviluppi, creare nuova occupazione, uscire dal circolo vizioso di quei progetti industriali che si arenano per il susseguirsi di variegate forme di opposizione, di indagini della Magistratura e di pastoie burocratiche, nel caso specifico una nuova procedura di VIA''.

''La centrale Enel di Porto Tolle merita, come altri siti in Italia, soluzioni tangibili che superino - conclude il Segretario generale della FLAEI - lo stallo prolungato capace di produrre solo danni per i lavoratori, per le imprese, ancor piu' per le comunita' locali ed il territorio''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Alla Luiss il primo corso di alimentazione sostenibile
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina