venerdì 02 dicembre | 18:59
pubblicato il 28/gen/2014 16:32

Enel: Flaei-Cisl, per Porto Tolle progetti e sviluppo non solo inchieste

Enel: Flaei-Cisl, per Porto Tolle progetti e sviluppo non solo inchieste

(ASCA) - Roma, 28 gen 2014 - ''La centrale Enel di Porto Tolle continua ad essere oggetto di inchieste della magistratura, piu' o meno eclatanti, mentre poco o nulla si decide per gli interventi necessari, in un sito industriale importante, che potrebbero garantire bonifica, sicurezza ambientale, sviluppo e lavoro''. E' quanto sottolinea in una nota il Segretario generale della FLAEI-Cisl Carlo De Masi in merito alla notizia rilanciata ieri dall'edizione on line del Corriere della sera circa le richieste di condanna avanzate dal pubblico ministero nei confronti degli amministratori delegati e di un gruppo di dirigenti Enel.

''Non intendiamo minimamente entrare nel merito delle inchieste ambientali - precisa De Masi - sebbene queste finiscano molto spesso in nulla di fatto creando solo allarme sociale e compromettendo progetti industriali piu' di quanto alla fine producano in termini di reale tutela dell'ambiente.

Lo sviluppo ecosostenibile e' per noi un principio inderogabile, d'altro canto e' senza dubbio possibile dar vita a progetti e scelte industriali moderne e innovative nel pieno rispetto del territorio, dell'ambiente e delle popolazioni''.

''Auspichiamo che della centrale Enel di Porto Tolle si parli per fatti concreti, oltre che per le inchieste.

Concreta e' l'opportunita' - ribadisce il Segretario Generale - di realizzare lo smantellamento di una parte dell'impianto ormai obsoleto attraverso imprese locali. Questo progetto a costo zero per l'Enel conseguirebbe il duplice obiettivo di garantire da un lato lavoro per centinaia di addetti, finanziato con il riciclo di larga parte dei materiali e degli impianti da dismettere, dall'altro una seria bonifica ambientale e messa in sicurezza, con positive ricadute sia per i futuri progetti del sito industriale sia per le collettivita' locali''.

''Ci auguriamo che questo progetto sostenuto dalla FLAEI e dalla Cisl - prosegue De Masi - possa trovare immediati sviluppi, creare nuova occupazione, uscire dal circolo vizioso di quei progetti industriali che si arenano per il susseguirsi di variegate forme di opposizione, di indagini della Magistratura e di pastoie burocratiche, nel caso specifico una nuova procedura di VIA''.

''La centrale Enel di Porto Tolle merita, come altri siti in Italia, soluzioni tangibili che superino - conclude il Segretario generale della FLAEI - lo stallo prolungato capace di produrre solo danni per i lavoratori, per le imprese, ancor piu' per le comunita' locali ed il territorio''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Premio "CambiaMenti" CNA a TRed
Premio "CambiaMenti" CNA a TRed: made in Italy, ricerca, tecnologia
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Censis
Censis: ko economico giovani,più poveri di coetanei di 25 anni fa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
San Marino, maxistella a Led inaugurerà il Natale delle Meraviglie
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
TechnoFun
Archeologia, allo studio app per riconoscimento automatico reperti
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari