martedì 17 gennaio | 10:18
pubblicato il 07/nov/2013 18:37

Enel: Ferraris, debito a 42 mld target minimo 2013 senza cessioni

(ASCA) - Roma, 7 nov - L'obiettivo di Enel di ridurre il debito da 44 a 42 miliardi entro la fine dell'anno e' da considerarsi un target minimo raggiungibile senza considerare gli incassi dalle cessioni. Lo ha spiegato il direttore finanziario Luigi Ferraris nel corso della conference call sui risultati dei primi 9 mesi.

''Quello di 42 miliardi e' un obiettivo confermato senza considerare l'impatto positivo del cash in derivante dalle cessioni'' ha detto precisando che il target puo' essere raggiuntio grazie ''all'andamento tipico della staguionalita' del nostro capitale circolante'' che e' ''conseguenza di alcuni incassi regolatori a fine anno e perche' nel quarto trimestre non abbiamo dividendi da pagare ne' scadenze fiscali''. Nel 2012, ha ricordato Ferraris, ''abbiamo avuto 3,2 miliardi di positive cash flow grazie al maggiore editda mentre quest'anno avremo 2 miliardi''.

''Penso - ha concluso - che questi 2 miliardi siano sicuramente nelle nostre mani e che vadano considerati come un floor''.

fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello