sabato 21 gennaio | 10:29
pubblicato il 26/mar/2014 15:41

Enel: Conti, non cambierebbe nulla se Stato cedesse tutta sua quota

(ASCA) - Roma, 26 mar 2014 - ''Posso dire che per noi non cambierebbe niente''. L'amministratore delegato dell'Enel, Fulvio Conti, ha risposto cosi' nel corso di un'audizione al Senato ad una domanda sulla possibile privatizzazione completa della societa'. ''Il nostro azionista di riferimento - ha detto - quando svolge il ruolo di azionista e' molto dedicato a impostare politiche generali che non riguardano la singola azienda.

Quando agisce come ministro delle finanze ha invece uno sguardo laser che mira solo alle realta' dove puo' estrarre di piu''' e magari ''pensa prendo solo il 30% dei dividendi ma il 100% delle tasse''. ''Non cambierebbe niente - ha concluso - se il Tesoro cedesse tutte le sue azioni e incassasse i 10-12 miliardi di euro che incasserebbe oggi. Non arriva qualcuno che si prende le centrali e le porta in svizzera o in Cina''.

fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Agroalimentare
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Mps
Mps, Vegas: per ripresa contrattazioni titolo aspettiamo il piano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4