sabato 25 febbraio | 16:45
pubblicato il 26/mar/2014 15:41

Enel: Conti, non cambierebbe nulla se Stato cedesse tutta sua quota

(ASCA) - Roma, 26 mar 2014 - ''Posso dire che per noi non cambierebbe niente''. L'amministratore delegato dell'Enel, Fulvio Conti, ha risposto cosi' nel corso di un'audizione al Senato ad una domanda sulla possibile privatizzazione completa della societa'. ''Il nostro azionista di riferimento - ha detto - quando svolge il ruolo di azionista e' molto dedicato a impostare politiche generali che non riguardano la singola azienda.

Quando agisce come ministro delle finanze ha invece uno sguardo laser che mira solo alle realta' dove puo' estrarre di piu''' e magari ''pensa prendo solo il 30% dei dividendi ma il 100% delle tasse''. ''Non cambierebbe niente - ha concluso - se il Tesoro cedesse tutte le sue azioni e incassasse i 10-12 miliardi di euro che incasserebbe oggi. Non arriva qualcuno che si prende le centrali e le porta in svizzera o in Cina''.

fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Volkswagen
Volkswagen, torna in utile nel 2016 per 5,1 mld dopo dieselgate
Generali
Intesa Sanpaolo: non individuate opportunità su Generali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech