lunedì 23 gennaio | 00:14
pubblicato il 29/mag/2013 19:18

Enel: azienda, accuse di Greenpeace assurde e infondate

(ASCA) - Roma, 29 mag - Le accuse di ''strage premeditata'' mosse da Greenpeace a Enel per le sue centrali sono ''assurde'' e frutto di dati che ''non sono basati su una effettiva analisi delle emissioni delle centrali termoelettriche italiane''. Lo sottolinea la societa' in una nota.

''Enel - si legge - riconosce il diritto di critica e anche di satira, ma si vede costretta a tutelare la propria reputazione di fronte a un'assurda accusa di strage premeditata e continuata per il rispetto dovuto alle oltre 75 mila persone che lavorano in Enel e alle decine di milioni di stakeholder del Gruppo''.

''Come e' noto - spiega la societa' - le attivita' dell'azienda sono sottoposte alle norme e ai controlli delle istituzioni locali, nazionali e internazionali e si svolgono nel pieno rispetto delle leggi che tutelano l'ambiente e la salute''.

Per Enel ''i dati che diffonde Greenpeace non sono basati su una effettiva analisi delle emissioni delle centrali termoelettriche italiane che sono costantemente monitorate dalle autorita' e dagli enti allo scopo preposti. Sono estrapolazioni del tutto arbitrarie, non basate su una relazione scientifica di causa-effetto. Oltre a non tenere in alcun conto le specifiche realta' territoriali degli impianti (controllo delle emissioni, altezza delle ciminiere, vicinanza al mare, andamento dei venti, densita' territoriale della popolazione), sono basate su un astratto fattore di rischio che non considera il reale contributo delle centrali rispetto a tutte le fonti di inquinamento che incidono sulla qualita' dell'aria. Secondo i dati ISPRA, alle centrali termoelettriche italiana e' attribuibile meno dell'1% delle polveri sottili, che derivano principalmente dagli impianti di riscaldamento e dai trasporti''.

Enel ricorda che ''circa meta' della energia elettrica che il Gruppo produce e' priva di qualunque tipo di emissione, compresa l'anidride carbonica: una percentuale tra le piu' alte rispetto a tutte le altre grandi utilities del mondo.

Enel e' ai primi posti nella produzione di energia da fonti rinnovabili, un settore nel quale continua a crescere.

Attraverso la controllata Enel Green Power, il Gruppo ha in programma investimenti nei prossimi 5 anni per oltre 6 miliardi di euro, una cifra che ha ben pochi paragoni al mondo''.

''Infine - conclude - va ricordato che solo il 12% dell'energia elettrica italiana e' prodotta con il carbone contro una media europea di circa il doppio con punte di oltre il 40% nella ''verde'' Germania''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4