domenica 11 dicembre | 09:59
pubblicato il 07/apr/2016 19:10

Enel avanti tutta sulla fibra, insieme a Vodafone e Wind

Renzi: oggi anche in Italia è arrivato il futuro

Enel avanti tutta sulla fibra, insieme a Vodafone e Wind

Roma, (askanews) - "E' arrivato il futuro. È arrivato anche in Italia". Sono queste le parole con cui il premier, Matteo Renzi, ha presentato a Palazzo Chigi il piano di Enel per portare la banda ultralarga in 224 città, con un investimento di 2,5 miliardi. Si partirà già a maggio con Perugia e a seguire ci saranno Cagliari, Bari, Venezia e Catania. Obiettivo, ha chiarito Renzi, portare la fibra a 100 mega al 50% della popolazione nel 2020 colmando il digital divide nelle zone meno remunerative per gli operatori, dove lo Stato stanzierà risorse proprie per poco meno di 5 miliardi, dando il via alle gare il 29 aprile.

"Oggi - ha detto Renzi - presentiamo un progetto che è molto innovativo perchè coinvolge tutti i territori.Il governo è qui per realizzare le cose che per anni non si sono fatte compresa la banda larga che è una delle più importanti. Presentiamo questa iniziativa e siamo pronti a presentarne altre con altri soggetti che abbiano le stesse caratteristiche vale a dire che vanno a offrire un servizio alle città".

Con Renzi anche l'ad di Enel, Francesco Starace, che ha presentato l'accordo commerciale raggiunto con Vodafone e Wind ma che ha aperto anche ad altri operatori tra cui Telecom che sta procedendo con un suo piano di investimenti autonomo. "Costruiamo i cavi e li portiamo fino alle case degli italiani, fino alle fabbriche, alle aziende e lo faremo gestendo e facendo manutenzione di questa infrastruttura. non ci porremo come un operatore telefonico anzi la nostra intenzione è vendere capacità di banda a operatori. quindi abbiamo cominciato a dialogare con tutti gli operatori telefonici che abbiamo in Italia e quelli con cui abbiamo fatto più velocemente sono Vodafone e Wind", ha spiegato Starace.

Per un operatore come Vodafone, ha spiegato l'amministratore delegato, Aldo Bisio, la partnership con Enel è incentrata sul salto di qualità tecnologico e porta l'Italia all'avanguardia nello sviluppo dei servizi in fibra. "Non credo ci sarà una dinamica tanto importante sui prezzi - ha spiegato - perché questa non è tanto guidata dai costi che dovrebbero migliorare ma verrà guidata dalla qualità del servizio. Passiamo dai mega ai giga, quindi passiamo da una società che è megabit, dove nella società digitale la "m" sta per "medievale", a "g" che vuol dire crescita, "growth" in inglese e questo è un fattore di competitività perché con i mega non si va più avanti".

Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina