domenica 22 gennaio | 00:58
pubblicato il 07/apr/2016 19:10

Enel avanti tutta sulla fibra, insieme a Vodafone e Wind

Renzi: oggi anche in Italia è arrivato il futuro

Enel avanti tutta sulla fibra, insieme a Vodafone e Wind

Roma, (askanews) - "E' arrivato il futuro. È arrivato anche in Italia". Sono queste le parole con cui il premier, Matteo Renzi, ha presentato a Palazzo Chigi il piano di Enel per portare la banda ultralarga in 224 città, con un investimento di 2,5 miliardi. Si partirà già a maggio con Perugia e a seguire ci saranno Cagliari, Bari, Venezia e Catania. Obiettivo, ha chiarito Renzi, portare la fibra a 100 mega al 50% della popolazione nel 2020 colmando il digital divide nelle zone meno remunerative per gli operatori, dove lo Stato stanzierà risorse proprie per poco meno di 5 miliardi, dando il via alle gare il 29 aprile.

"Oggi - ha detto Renzi - presentiamo un progetto che è molto innovativo perchè coinvolge tutti i territori.Il governo è qui per realizzare le cose che per anni non si sono fatte compresa la banda larga che è una delle più importanti. Presentiamo questa iniziativa e siamo pronti a presentarne altre con altri soggetti che abbiano le stesse caratteristiche vale a dire che vanno a offrire un servizio alle città".

Con Renzi anche l'ad di Enel, Francesco Starace, che ha presentato l'accordo commerciale raggiunto con Vodafone e Wind ma che ha aperto anche ad altri operatori tra cui Telecom che sta procedendo con un suo piano di investimenti autonomo. "Costruiamo i cavi e li portiamo fino alle case degli italiani, fino alle fabbriche, alle aziende e lo faremo gestendo e facendo manutenzione di questa infrastruttura. non ci porremo come un operatore telefonico anzi la nostra intenzione è vendere capacità di banda a operatori. quindi abbiamo cominciato a dialogare con tutti gli operatori telefonici che abbiamo in Italia e quelli con cui abbiamo fatto più velocemente sono Vodafone e Wind", ha spiegato Starace.

Per un operatore come Vodafone, ha spiegato l'amministratore delegato, Aldo Bisio, la partnership con Enel è incentrata sul salto di qualità tecnologico e porta l'Italia all'avanguardia nello sviluppo dei servizi in fibra. "Non credo ci sarà una dinamica tanto importante sui prezzi - ha spiegato - perché questa non è tanto guidata dai costi che dovrebbero migliorare ma verrà guidata dalla qualità del servizio. Passiamo dai mega ai giga, quindi passiamo da una società che è megabit, dove nella società digitale la "m" sta per "medievale", a "g" che vuol dire crescita, "growth" in inglese e questo è un fattore di competitività perché con i mega non si va più avanti".

Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4