sabato 25 febbraio | 08:47
pubblicato il 16/nov/2015 14:22

Enav, da Ciampino via al futuro satellitare del controllo aereo

Validazione sistema Aireon, la rivoluzione dai tempi del radar

Enav, da Ciampino via al futuro satellitare del controllo aereo

Roma, (askanews) - Il futuro dell'air traffic management è ormai legato al satellite, come conferma l'accordo internazionale recentemente firmato a Ginevra in occasione della conferenza ospitata dall'agenzia della Nazioni Unite ITU, l'International Telecommunication Union, che prevede proprio l'uso dei satelliti per controllare e gestire le rotte degli aerei commerciali.

Un cambiamento sostanziale che migliorerà di molto la sicurezza aerea e che vede Enav, la Società nazionale per l'assistenza al volo, in prima fila in virtù dell'investimento di 61 milioni di dollari con il quale ha acquistato il 12,5% di Aireon, l'azienda statunitense del gruppo Iridium che, entro il 2018, realizzerà il primo sistema globale di sorveglianza satellitare per il controllo del traffico aereo.

Non solo: presso il proprio Centro Enav di Controllo d'Area di Roma, a Ciampino, vera eccellenza del settore, trova sede il "Centro sperimentale e prototipale per la validazione del sistema Aireon". Si tratta del centro ufficiale per l'Europa (l'unico altro al mondo è in America) per la sperimentazione ed il supporto del sistema Aireon, il cui stato di avanzamento è stato presentato nel Kick Off Meeting a tutti gli azionisti.

Iacopo Prissinotti, responsabile delle strategie internazionali di Enav.

"I primi satelliti verranno lanciati a marzo dell'anno prossimo e a fine 2017 il sistema sarà operativo. L'obiettivo non è solo mettere in operazione il sistema ma di rendere da subito disponibile questo servizio a tutti gli utilizzatori, che sono i service provider, cioè gli Enav mondiali, già all'atto della messa in operazione del servizio".

Completata la costellazione di 66 unità orbitanti si potrà avere la sorveglianza attiva e si conoscerà identità, posizione e quota di un qualsiasi velivolo in tutto il globo. Insomma episodi come quello della scomparsa misteriosa del volo della Malaysia Airlines nel 2014 non si ripeteranno. Lo conferma Don Thomas, presidente e ceo di Aireon:

"La tragedia del volo malese MH370 ha reso evidente al mondo ciò che la comunità dell'aviazione già sapeva, cioè che più del 70% del mondo non è coperto da servizi di sorveglianza aerea. Gli aerei non sono tracciati sugli oceani, o sopra i poli. Aireon metterà in rete i dati di 66 satelliti, raggiungendo così una copertura del 100% di tutti gli aerei che volano nel mondo. Si tratta di una joint venture che vede insieme Enav, NAV Canada, il service provider irlandese Iaa e danese Naviair ed Iridium nel più grande avanzamento per l'aviazione dai tempi dell'introduzione del radar negli anni '40".

Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech