domenica 22 gennaio | 07:30
pubblicato il 13/feb/2013 12:00

Elezioni/ Sangalli: Mettere impresa al centro, giù fisco

Stop aumento Iva. Semplificazione burocratica e più credito

Elezioni/ Sangalli: Mettere impresa al centro, giù fisco

Roma, 13 feb. (askanews) - Mettere l'impresa al centro delle politiche economiche, perchè le imprese sono "il motore della crescita". Ridurre la pressione fiscale, ormai a livelli "insostenibili", evitare l'ulteriore aumento dell'Iva, avviare un processo di semplificazione burocratica e aumentare il credito alle imprese. Ad indicare le priorità che il prossimo governo dovrà affrontare è il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, in una videointervista a TMNews pubblicata sul sito www.tmnews.it. "Le imprese che noi rappresentiamo, le imprese del commercio, del turismo, dei servizi, delle professioni, dei trasporti, della logistica, stanno vivendo - ha detto Sangalli - un momento drammatico. E le imprese sono il motore dell crescita e, quindi, per noi l'obiettivo prioritario ed irrinunciabile delle politiche economiche della prossima legislatura, chiunque governi, deve essere l'impresa". Bisogna "coniugare le ragioni del rigore con le ragioni della crescita e della equità dello sviluppo e della coesione sociale", ha aggiunto. Del resto "il 2012 sarà ricordato, per quanto riguarda la caduta dei redditi e dei consumi procapite, come l'anno peggiore dal dopoguerra ad oggi". Quindi, secondo il numero uno di Confcommercio, "occorre un cambio di marcia e allora bisogna imboccare un percorso realistico, ma determinato, per raggiungere alcuni obiettivi. Per questo al prossimo governo e Parlamento chiediamo, immediatamente, di ridurre una pressione fiscale che, per il contribuente in regola, ha raggiunto il 56% e quindi diventa insostenibile per le famiglie e per le imprese. La richiesta immediata che proponiamo al nuovo parlamento è quella di archiviare qualsiasi ipotesi di un ulteriore aumento dell'aliquota dell'Iva" altrimenti "sarebbe un colpo mortale" per "i consumi". Al prossimo governo, poi "chiediamo la semplificazione perchè oggi - ha detto Sangalli - i costi di una burocrazia barocca e miope rischiano di strozzare le imprese. Ogni impresa all'anno deve assumersi 120 tra adempimenti fiscale e amministrativo, uno ogni tre giorni". Infine "vi è il problema del credito: bisogna aprire il rubinetto del credito, perchè un credito dato con il contagocce non serve assolutamente alle imprese, se manca l'ossigeno le imprese muoiono", ha concluso.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4