domenica 11 dicembre | 11:51
pubblicato il 13/feb/2013 12:00

Elezioni/ Sangalli: Mettere impresa al centro, giù fisco

Stop aumento Iva. Semplificazione burocratica e più credito

Elezioni/ Sangalli: Mettere impresa al centro, giù fisco

Roma, 13 feb. (askanews) - Mettere l'impresa al centro delle politiche economiche, perchè le imprese sono "il motore della crescita". Ridurre la pressione fiscale, ormai a livelli "insostenibili", evitare l'ulteriore aumento dell'Iva, avviare un processo di semplificazione burocratica e aumentare il credito alle imprese. Ad indicare le priorità che il prossimo governo dovrà affrontare è il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, in una videointervista a TMNews pubblicata sul sito www.tmnews.it. "Le imprese che noi rappresentiamo, le imprese del commercio, del turismo, dei servizi, delle professioni, dei trasporti, della logistica, stanno vivendo - ha detto Sangalli - un momento drammatico. E le imprese sono il motore dell crescita e, quindi, per noi l'obiettivo prioritario ed irrinunciabile delle politiche economiche della prossima legislatura, chiunque governi, deve essere l'impresa". Bisogna "coniugare le ragioni del rigore con le ragioni della crescita e della equità dello sviluppo e della coesione sociale", ha aggiunto. Del resto "il 2012 sarà ricordato, per quanto riguarda la caduta dei redditi e dei consumi procapite, come l'anno peggiore dal dopoguerra ad oggi". Quindi, secondo il numero uno di Confcommercio, "occorre un cambio di marcia e allora bisogna imboccare un percorso realistico, ma determinato, per raggiungere alcuni obiettivi. Per questo al prossimo governo e Parlamento chiediamo, immediatamente, di ridurre una pressione fiscale che, per il contribuente in regola, ha raggiunto il 56% e quindi diventa insostenibile per le famiglie e per le imprese. La richiesta immediata che proponiamo al nuovo parlamento è quella di archiviare qualsiasi ipotesi di un ulteriore aumento dell'aliquota dell'Iva" altrimenti "sarebbe un colpo mortale" per "i consumi". Al prossimo governo, poi "chiediamo la semplificazione perchè oggi - ha detto Sangalli - i costi di una burocrazia barocca e miope rischiano di strozzare le imprese. Ogni impresa all'anno deve assumersi 120 tra adempimenti fiscale e amministrativo, uno ogni tre giorni". Infine "vi è il problema del credito: bisogna aprire il rubinetto del credito, perchè un credito dato con il contagocce non serve assolutamente alle imprese, se manca l'ossigeno le imprese muoiono", ha concluso.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina