domenica 04 dicembre | 21:31
pubblicato il 20/feb/2013 12:00

Elezioni/ Landini: Più corruzione con alcune leggi Berlusconi

"Misureremo il nuovo Governo per le scelte che farà"

Elezioni/ Landini: Più corruzione con alcune leggi Berlusconi

Roma, 20 feb. (askanews) - Il livello di corruzione nel paese ha raggiunto livelli molto alti. Dopo gli anni di Tangentopoli questo tema non è mai stato affrontato seriamente. Anzi, ci sono state alcune leggi, in particolare quelle approvate dal Governo Berlusconi, che sono andate nella direzione opposta. E' l'analisi del segretario generale della Fiom-Cgil, Maurizio Landini, che in una videointervista a TMNews pubblicata sul sito www.tmnews.it parla di lavoro e delle priorità dell'agenda del prossimo esecutivo, che sarà misurato per le scelte che farà. "Che i livelli di corruzione in questo paese siano molto alti e che dopo Tangentopoli non si sia affrontato questo tema mi sembra evidente - dice Landini - anzi, sono state fatte delle leggi dei governi, in particolare del Governo Berlusconi, che sono andate in tutt'altra direzione. Allo stesso tempo si pone un problema molto serio che riguarda l'assenza di politiche industriali. Quindi, la responsabilità maggiore che imputo alle forze politiche e ai governi è di non aver avuto delle politiche industriali che disegnassero sistemi. Perché in alcuni casi, se penso a Finmeccanica, stiamo parlando di un'azienda controllata al 30% dal ministero del Tesoro e se pensiamo al sistema bancario c'è anche un ruolo di controllo che dovrebbe essere messo in campo". Secondo il capo delle tute blu della Cgil c'è bisogno di "una discontinuità e, quindi, la priorità assoluta è il lavoro: difendere il lavoro e creare nuovi posti di lavoro. Per fare questo c'è bisogno di rilanciare una politica di investimenti pubblici e privati. E allo stesso tempo c'è una priorità che riguarda la democrazia da estendere nei luoghi di lavoro. Per fare questo bisogna cancellare l'articolo 8 voluto dalla Fiat e dal Governo Berlusconi. Occorre fare una legge sulla rappresentanza che dia diritto ai lavoratori di scegliersi il sindacato e di votare i propri accordi. E credo allo stesso tempo ci sia bisogno di intervenire e mettere mano alle pensioni. La riforma fatta è sbagliata. Siamo il paese che ha l'età pensionabile più alta di tutta Europa. Non va bene. E poi bisogna combattere la precarietà. Sarebbe inoltre utile l'introduzione di un reddito di cittadinanza". Landini critica i provvedimenti del Governo Monti sul lavoro. "Di sicuro - afferma - le leggi fatte non hanno creato un posto di lavoro in più. Anzi, la modifica all'articolo 18 sta producendo licenziamenti che prima non esistevano. E aver mantenuto 46 diverse tipologie di lavoro non ha certo affrontato il tema. La precarietà è uno dei mali di questa situazione, non è una delle strade per uscire da questa crisi. Un nuovo governo deve invece ripensare e fare delle riforme vere. Quelle, non sono state riforme". Sulle accuse lanciate da Beppe Grillo al sindacato di essere corresponsabile della crisi occupazionale, Landini osserva: "Beppe Grillo dovrebbe riconoscere che il sindacato, che non lo ha ordinato il medico, è fatto da lavoratori che liberamente scelgono di aderire a un'organizzazione sindacale ed è stato in questi anni uno dei baluardi della democrazia. Se in Italia c'è lo Statuto, se ci sono dei diritti è grazie alle lotte dei lavoratori. E' bene che questo errore Grillo non lo faccia, perché chi oggi vuole scegliersi il sindacato è Marchionne e non sta facendo una buona esperienza". Il leader della Fiom aggiunge che "Monti, e Montezemolo che oggi lo sostiene, nell'anno che è stato al governo non ha creato un posto di lavoro in più e ha continuato a fare peggio di quello che aveva fatto prima Berlusconi. Non a caso siamo il paese con la precarietà più alta, salari più bassi e soprattutto il livello che ha meno investimenti in ricerca e occupazione". Sul piano del lavoro presentato dalla Cgil alla conferenza di programma, Landini spiega che "è la base necessaria su cui partire. Il lavoro è una priorità assoluta nella testa di qualsiasi persona onesta e di buon senso nel nostro paese". Landini auspica "la possibilità di un cambiamento. Non a caso la nostra organizzazione ha scioperato e si è mobilitata sia contro il Governo Berlusconi che contro le scelte fatte dal Governo Monti. Un nuovo governo deve essere alternativo. Un sindacato come il nostro è autonomo e indipendente. Non è un sindacato di governo o di opposizione e misurerà qualsiasi governo per le scelte che farà".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari