lunedì 05 dicembre | 21:49
pubblicato il 29/nov/2013 14:03

Electrolux: Zaia, siamo ai tempi supplementari

Electrolux: Zaia, siamo ai tempi supplementari

(ASCA) - Venezia, 29 nov - ''Siamo ai tempi supplementari. E' assolutamente fondamentale che venga convocato il tavolo a Roma sull'Electrolux. Smettiamola con i balletti di corte e affrontiamo la questione faccia a faccia con l'azienda.

Abbiamo il diritto di investigare e di capire che intenzioni ha un gruppo che lamenta l'eccessivo costo del lavoro italiano, pero' presenta conti in rosso nei paesi dove vuole decentrare le produzioni (Ungheria e Polonia) e guadagna solo dove vuole chiudere, Susegana''. Con queste parole il Presidente Zaia e' intervenuto oggi nel dibattito svoltosi oggi in Consiglio Regionale sulla crisi delle aziende venete.

''C'e' qualcosa che non funziona, bisogna - ha proseguito Zaia - chiamare i vertici e farsi spiegare cosa sta succedendo, quali sono le intenzioni del gruppo, farsi illustrare fino in fondo il piano industriale. Abbiamo girato la clessidra ormai troppe settimane fa, la sabbia sta finendo e non si capisce cosa stia attendendo il governo. I lavoratori hanno diritto a una risposta e a una risposta ha diritto a ottenerla anche l'immenso mondo dell'indotto. Un distretto che e' valutato in 20 mila posti di lavoro''.

''Soltanto a un tavolo ministeriale - ha concluso Zaia - si potranno affrontare le questioni della strategicita' del settore e di eventuali incentivi. La regione puo' fino a un certo punto. Certo, come insegna la positiva soluzione trovata per ACC, se avessimo le mani libere potremmo intervenire con Veneto Sviluppo anche sulle grandi imprese e non limitarci ad interventi - peraltro massicci in termini di risorse impiegate e di numero di pratiche affrontate e risolte - sulla piccole e medie. Continuo comunque a non capire per quale motivo Francia e Spagna, possano restare orgogliosamente proprietarie di gruppi industriali strategici e operare con incentivazioni a settori senza cadere nella tagliola degli aiuti di Stato. Tagliola che per l'Italia si chiude sempre implacabile - anche preventivamente - su qualsiasi proposta''.

''E' di questo che dovremmo parlare al tavolo romano. Ma il governo evidentemente non ne ha molta voglia. Perche' Fiat si' ed Electrolux no? Qualcuno ce lo spieghi...''.

fdm/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari