venerdì 24 febbraio | 20:50
pubblicato il 29/nov/2013 14:03

Electrolux: Zaia, siamo ai tempi supplementari

Electrolux: Zaia, siamo ai tempi supplementari

(ASCA) - Venezia, 29 nov - ''Siamo ai tempi supplementari. E' assolutamente fondamentale che venga convocato il tavolo a Roma sull'Electrolux. Smettiamola con i balletti di corte e affrontiamo la questione faccia a faccia con l'azienda.

Abbiamo il diritto di investigare e di capire che intenzioni ha un gruppo che lamenta l'eccessivo costo del lavoro italiano, pero' presenta conti in rosso nei paesi dove vuole decentrare le produzioni (Ungheria e Polonia) e guadagna solo dove vuole chiudere, Susegana''. Con queste parole il Presidente Zaia e' intervenuto oggi nel dibattito svoltosi oggi in Consiglio Regionale sulla crisi delle aziende venete.

''C'e' qualcosa che non funziona, bisogna - ha proseguito Zaia - chiamare i vertici e farsi spiegare cosa sta succedendo, quali sono le intenzioni del gruppo, farsi illustrare fino in fondo il piano industriale. Abbiamo girato la clessidra ormai troppe settimane fa, la sabbia sta finendo e non si capisce cosa stia attendendo il governo. I lavoratori hanno diritto a una risposta e a una risposta ha diritto a ottenerla anche l'immenso mondo dell'indotto. Un distretto che e' valutato in 20 mila posti di lavoro''.

''Soltanto a un tavolo ministeriale - ha concluso Zaia - si potranno affrontare le questioni della strategicita' del settore e di eventuali incentivi. La regione puo' fino a un certo punto. Certo, come insegna la positiva soluzione trovata per ACC, se avessimo le mani libere potremmo intervenire con Veneto Sviluppo anche sulle grandi imprese e non limitarci ad interventi - peraltro massicci in termini di risorse impiegate e di numero di pratiche affrontate e risolte - sulla piccole e medie. Continuo comunque a non capire per quale motivo Francia e Spagna, possano restare orgogliosamente proprietarie di gruppi industriali strategici e operare con incentivazioni a settori senza cadere nella tagliola degli aiuti di Stato. Tagliola che per l'Italia si chiude sempre implacabile - anche preventivamente - su qualsiasi proposta''.

''E' di questo che dovremmo parlare al tavolo romano. Ma il governo evidentemente non ne ha molta voglia. Perche' Fiat si' ed Electrolux no? Qualcuno ce lo spieghi...''.

fdm/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech