martedì 21 febbraio | 09:47
pubblicato il 20/gen/2014 18:42

Electrolux: Zaia, il Governo continua a restare muto

(ASCA) - Venezia, 20 gen 2014 - ''Con l'ovvio si' di Electrolux alla proposta di Confindustria Pordenone sul taglio del 20 per cento al costo del lavoro per evitare la delocalizzazione delle produzioni, ormai tutti i soggetti in campo si sono pronunciati: il sottoscritto e i miei colleghi governatori di Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Emilia-Romagna in modo compatto, la Confindustria, la proprieta', i dipendenti, i sindacati di categoria e non, gli enti locali. L'unica voce che non si e' ancora sentita e' quella del governo. Da due mesi attendiamo la convocazione di un tavolo con l'azienda, solenne impegno assunto da Palazzo Chigi. Ma per ora si e' visto soltanto un twitter poi smentito dall'autore e dai fatti''. Il Presidente del Veneto, Luca Zaia, commenta cosi' la proposta di Confindustria di un piano per abbassare il costo del lavoro dei dipendenti Electrolux e il successivo si' dell'azienda.

''Non voglio qui dire se la proposta di Confindustria sia oppure no la ricetta vincente, anche se l'associazione degli industriali ha avuto quantomeno il merito di porre il dito nella piaga: Electrolux non lascia a piedi 1.600 dipendenti soltanto per un capriccio o perche' il mercato e' in crisi, ma semplicemente perche' in altre zone d'Europa trova condizioni fiscali e contributive piu' favorevoli - prosegue Zaia -. E non saro' certo io a suggerire soluzioni, certamente io e i miei colleghi governatori gradiremmo conoscere il piano industriale direttamente dall'Azienda, a un tavolo e non da indiscrezioni sui giornali. Ma il governo non ce lo permette''.

''Credo che a questo punto - conclude - occorra prendere il toro per le corna e graniticamente, io e i miei colleghi governatori, lanciare un ultimatum al governo: convochi Electrolux, ci faccia spiegare che 1.600 lavoratori sono a rischio per le inerzie di ben due governi sul tema del lavoro e presenti proposte concrete e immediatamente operative per evitare un danno irrimediabile a ben quattro economie delle locomotive del Paese. Sarebbe il miglior job act possibile, altro che parole e slogan...''.

fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia