mercoledì 18 gennaio | 15:10
pubblicato il 20/gen/2014 18:42

Electrolux: Zaia, il Governo continua a restare muto

(ASCA) - Venezia, 20 gen 2014 - ''Con l'ovvio si' di Electrolux alla proposta di Confindustria Pordenone sul taglio del 20 per cento al costo del lavoro per evitare la delocalizzazione delle produzioni, ormai tutti i soggetti in campo si sono pronunciati: il sottoscritto e i miei colleghi governatori di Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Emilia-Romagna in modo compatto, la Confindustria, la proprieta', i dipendenti, i sindacati di categoria e non, gli enti locali. L'unica voce che non si e' ancora sentita e' quella del governo. Da due mesi attendiamo la convocazione di un tavolo con l'azienda, solenne impegno assunto da Palazzo Chigi. Ma per ora si e' visto soltanto un twitter poi smentito dall'autore e dai fatti''. Il Presidente del Veneto, Luca Zaia, commenta cosi' la proposta di Confindustria di un piano per abbassare il costo del lavoro dei dipendenti Electrolux e il successivo si' dell'azienda.

''Non voglio qui dire se la proposta di Confindustria sia oppure no la ricetta vincente, anche se l'associazione degli industriali ha avuto quantomeno il merito di porre il dito nella piaga: Electrolux non lascia a piedi 1.600 dipendenti soltanto per un capriccio o perche' il mercato e' in crisi, ma semplicemente perche' in altre zone d'Europa trova condizioni fiscali e contributive piu' favorevoli - prosegue Zaia -. E non saro' certo io a suggerire soluzioni, certamente io e i miei colleghi governatori gradiremmo conoscere il piano industriale direttamente dall'Azienda, a un tavolo e non da indiscrezioni sui giornali. Ma il governo non ce lo permette''.

''Credo che a questo punto - conclude - occorra prendere il toro per le corna e graniticamente, io e i miei colleghi governatori, lanciare un ultimatum al governo: convochi Electrolux, ci faccia spiegare che 1.600 lavoratori sono a rischio per le inerzie di ben due governi sul tema del lavoro e presenti proposte concrete e immediatamente operative per evitare un danno irrimediabile a ben quattro economie delle locomotive del Paese. Sarebbe il miglior job act possibile, altro che parole e slogan...''.

fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Economia estera
Il presidente cinese Xi va a Davos a difendere il libero scambio
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa