sabato 21 gennaio | 07:48
pubblicato il 30/gen/2014 20:02

Electrolux: Squinzi a governo, intervento deciso o sara'...(1 update)

Electrolux: Squinzi a governo, intervento deciso o sara'...(1 update)

(ASCA) - Roma, 30 gen 2014 - Di fronte alla crisi della manifattura italiana e al caso ''emblematico'' Electrolux ''chiediamo al governo un intervento deciso di politica industriale'' perche' in assenza di una inversione di trend ''andremo irrimediabilmente verso la desertificazione industriale del nostro Paese e Confindustria non puo' accettare questa idea''. E' quanto scrive il presidente degli industriali, Giorgio Squinzi, in una lettera inviata al presidente del Consiglio, Enrico Letta.

La vicenda Electrolux, si legge, ''assume dimensioni molto preoccupanti non solo per le ricadute occupazionali dirette, ma perche' rappresenta un caso emblematico per l'intera industria italiana'' e ''denuncia la necessita' di una forte azione del governo'' a difesa del manifatturiero e ''volta a rafforzare la capacita' del nostro Paese di attrarre e mantenere gli investimenti''.

Non solo, prosegue Squinzi, ma Electrolux segnala ''alcuni deficit strutturali'' sui quali ''da tempo immemorabile sottolineamo l'urgenza di intervenire: l'elevato costo del lavoro, dovuto alla crescente pressione fiscale, la rigidita' del mercato del lavoro e il differenziale di costo dell'energia''.

''Le proposte che abbiamo presentato, pero', sono rimaste in larga parte disattese'' rileva il Presidente degli industriali, e anche l'ultima Legge di Stabilita' ''non e' stata in grado di intervenire in misura incisiva sui principali problemi che impediscono la competitivita'''.

Squinzi chiede ''un serio impegno affinche' il confronto gia' avviato presso il Ministero dello Sviluppo Economico con la partecipazione del Ministero del Lavoro possa giungere a un esito positivo nell'interesse delle imprese e dei lavoratori coinvolti''.

''Sarebbe un segnale deciso - conclude - sia verso un'impresa che rappresenta un importante punto di riferimento per il territorio sia verso l'industria italiana che sta affrontando con tenacia la crisi economica in atto e vuole vincere questa sfida''. fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4