sabato 10 dicembre | 22:21
pubblicato il 29/ott/2013 11:39

Electrolux: sindacati, da azienda piano inaccettabile. Subito sciopero

(ASCA) - Roma, 29 ott - ''La direzione Electrolux ha presentato al coordinamento sindacale un piano per gli stabilimenti italiani inaccettabile per i lavoratori e per il sindacato, un piano che prevede la messa in discussione degli stabilimenti del gruppo, da oggi messi 'sotto investigazione' dalla multinazionale svedese, per verificare la sostenibilita' delle produzioni che si realizzano in Italia, esplorare 'tutte' le vie percorribili per consolidare i fattori di competitivita' e le azioni necessarie per una maggiore profittabilita'; in modo esplicito la direzione aziendale ha spiegato che questo puo' significare il mantenimento, il ridimensionamento o la chiusura degli stabilimenti''. Lo affermano, in una nota congiunta, le Segreterie nazionali dei sindacati dei metalmeccanici Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil sottolineando che ''in questo quadro le produzioni italiane sono messe in discussione e il rischio di scelte drastiche e' concreto in primo luogo per lo stabilimento di Porcia (Pn), dove si producono lavatrici e dove lavorano 1.160 addetti, lo stabilimento di Susegana (Tv) dove si producono frigoriferi a incasso con 1.033 addetti e lo stabilimento di Solaro (Mi) dove si producono lavastoviglie con 912 addetti''.

Per i sindacati ''Electrolux ha deciso infatti di avviare una analisi per singola linea di prodotto dichiarando da subito che le produzioni italiane di Electrolux, in particolare le produzioni di lavatrici, frigoriferi e lavastoviglie, non sono competitive con le stesse produzioni che Electrolux realizza nei paesi dell'Europa dell'Est.

Electrolux ha, inoltre, comunicato alcuni interventi da attivare da subito che ''significano un impatto negativo a regime sull'occupazione di 75 unita' a Solaro, 46 unita' a Porcia, 140 unita' a Susegana e 200 unita' tra gli impiegati della struttura e la messa in discussione di tutti gli stabilimenti. In totale - spiegano i sindacati di categoria - l'impatto complessivo delle decisioni annunciate sulle fabbriche e nel settore impiegatizio rischia di produrre da subito 461 esuberi in Electrolux nel nostro paese in aggiunta ai 1.200 esuberi (oggi 1.100 per effetto delle dimissioni incentivate) affrontati con il ricorso alla solidarieta' nell'accordo del 22 marzo 2013 e di provocare a cascata la perdita di migliaia di posti di lavoro nell'indotto; nello stesso tempo le investigazioni mettono a rischio complessivamente gli stabilimenti italiani e manifestano la volonta' di un progressivo disimpegno della multinazionale svedese dall'Italia''.

Per queste ragioni il coordinamento sindacale ''non accetta il piano proposto oggi da Electrolux e proclama 16 ore di sciopero con la massima articolazione in tutti gli stabilimenti del gruppo, da effettuarsi entro venerdi' 8 novembre 2013, il coinvolgimento in tutti i territori delle prefetture, dei presidenti di regione e delle istituzioni locali per illustrare la gravissima situazione che le decisioni di Electrolux determinano sul tessuto sociale nei territori e a livello nazionale, la richiesta di un intervento diretto e tempestivo della Presidenza del Consiglio sulla multinazionale svedese per ottenere la modifica delle decisioni prese e la garanzia per gli stabilimenti e le produzioni italiane di Electrolux''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina