venerdì 02 dicembre | 21:02
pubblicato il 04/feb/2014 15:38

Electrolux: Rsu Susegana, ''piano B'' da costruire senza trucchi

(ASCA) - Treviso, 4 feb 2014 - ''Il documento di 'chiarimento' prodotto da Electrolux, non offre modifiche sostanziali sulla questione centrale del salario, mentre apparentemente apre un inatteso spiraglio sullo stabilimento di Porcia''. Lo sostengono i delegati Rsu di Susegana, che stanno ancora presidiando lo stabilimento. ''La Direzione continua a dare i numeri, in tutti i sensi, con un calcolo costruito su un ipotetico orario a 6 ore di lavoro - si legge in una nota -. Solo negando l'orario a 8 ore su cui poggiano gli stipendi di 1350 euro mese per un operaio si puo' sostenere che la riduzione del salario e' di 137 euro mese pari all'8%''. In poche parole Electrolux fa gia' i suoi calcoli su una base salariale riproporzionata sulle 6 ore. Lo stesso calcolo poiettato sul reale orario praticato a Susegana - precisano i delegati -: due turni da 8 ore (6-14 e 14-22), produce un effetto moltiplicatore dei tagli salariali, superando il taglio di oltre 450 euro gia' stimati dai calcoli delle RSU e confermati da vari analisti che si sono dedicati in questi giorni a verificarli. ''Infatti oltre alla perdita delle 2 ore di lavoro, ipotizzate dall'azienda, e alle voci di premio che intende tagliare come STB e EDP (130 Euro), salterebbero maggioranzioni orarie del 19% per il notturno , ed altri importanti emolumenti della retribuzione.

S'aggiunga che le condizioni per lavorare meno di 8 non ci sono stante l'attuale livello di volumi, confermati anche per il 2014 ad circa 740.000 frigoriferi''. ''Pertanto - concludono le Rsu - o siamo a ipotesi di scuola di 6 ore o peggio si pensa di aumentare la velocita' delle linee per lasciare poi i lavoratori in cassa integrazione. Con tutte le riserve di legittimita' sia sul versante dei vincoli europei, sia nei rapporti con INPS, ente pagatore. Senza tener conto che 1/3 della forza lavoro operaia ha subito riduzione della capacita' lavorativa per gli alti ritmi di lavoro e la popolazione ha un'eta' media di oltre 48 anni. Non sono pochi i lavoratori con oltre 60 anni bloccati della riforma delle pensioni della Fornero''.

fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Censis
Censis: ko economico giovani,più poveri di coetanei di 25 anni fa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari