lunedì 05 dicembre | 05:52
pubblicato il 29/gen/2014 10:52

Electrolux: Baretta, piano inaccettabile. Controproposte a casa madre

(ASCA) - Roma, 29 gen 2014 - ''Il piano Electrolux e' inaccettabile per come e' formulato, per modalita' e per il merito, ma o noi abbiamo tutti insieme Governo, sindacati, enti locali, delle controproposte oppure anche l'azione democratica diventa inutile''. A dichiararlo e' il sottosegretario all'Economia Pierpaolo Baretta, questa mattina dai microfoni di Radio Citta' Futura, in vista dell'incontro al ministero dello Sviluppo economico di oggi pomeriggio tra esecutivo, azienda e sindacato dell'Electrolux. A chi sottolinea l'intervento tardivo da parte del governo, il sottosegretario all'Economia ha risposto cosi': ''Non credo che siano stati due mesi in cui il Governo e' stato fermo, so che ci sono stati contatti anche informali - e ha spiegato - in casi come questi, accanto all'iniziativa sindacale e industriale, c'e' un intervento diplomatico che ha delle caratteristiche anche internazionali''. L'auspicio per Baretta e' fare passi piu' decisi nei prossimi giorni, non tanto nei confronti degli interlocutori italiani, ma direttamente nei confronti della casa madre perche' ''e' evidente che queste decisioni arrivano direttamente da Stoccolma - e ha concluso - contemporaneamente dico che per fare questa operazione bisogna avere delle controproposte''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari