lunedì 27 febbraio | 04:32
pubblicato il 03/lug/2013 12:00

Egitto/ Ministro Difesa: il Popolo chiede sostegno all'esercito

Abbiamo consultato figure nazionli per road map

Egitto/ Ministro Difesa: il Popolo chiede sostegno all'esercito

Roma, 3 lug. (askanews) - Il popolo chiede il sostegno dell'esercito in Egitto: lo afferma il generale Abdul Fattah al-Sissi, ministro della Difesa e comandante in capo delle forze armate egiziane, mentre nel paese è in atto un colpo di Stato che pare aver di fatto destituito il presidente islamista Mohammed Morsi. "L'esercito vede che il popolo egiziano chiede il suo sostegno, non perché prenda il potere o regni, ma per servire il pubblico interesse e proteggere la rivoluzione: questo è il messaggio che le forze armate hanno ricevuto da tutti gli angoli dell'Egitto" ha detto Al Sissi. L'esercito aveva annunciato per questa sera una "Road map" verso una transizione democratica. "Il discorso del presidente ieri sera è andato contro le aspirazioni e le richieste del popolo" ha detto Al Sissi. "Ciò ha costretto l'esercito a consultare alcune figure di rilievo nazionale, politici, religiosi e giovani, e tutti insieme hanno dato l'accordo a una road map che costruirà una società egiziana forte e unita".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech