mercoledì 22 febbraio | 02:53
pubblicato il 08/mar/2016 18:29

Efficienza energetica e rinnovabili, il mix post COP21

Iniziativa al GSE dei Parlamentari per lo sviluppo sostenibile

Efficienza energetica e rinnovabili, il mix post COP21

Roma, (askanews) - Un salto nel futuro: dopo COP21 più efficienza e più rinnovabili? La domanda ha fatto da filo conduttore al Gestore Servizi Energetici, il GSE, in occasione di un incontro promosso dalla neo associazione Parlamentari per lo sviluppo sostenibile presieduta dall'Onorevole Ignazio Abrignani (Alleanza Liberalpopolare-Autonomie). Riuniti per l'occasione parlamentari, decision maker della politica energetica nazionale e vertici di alcuni dei principali player industriali del settore, per fare il punto sul percorso di decarbonizzazione in Italia dopo la conferenza mondiale sul clima di Parigi dello scorso dicembre.

Al centro del dibattito proprio il rapporto tra la ricerca della massima efficienza energetica e l'uso delle rinnovabili, in un contesto dove, come ha segnalato il presidente del GSE, Francesco Sperandini in una sorta di paradosso, se si utilizzassero solamente le fonti rinnovabili parlare di efficienza energetica non avrebbe più senso.

La realtà descritta dai tecnici sugli impegni di Parigi vede invece la necessità ancora di raggiungere un equilibrio basato sul mix efficienza-rinnovabili, con l'Italia che ha dalla sua un posizionamento d'eccellenza in Europa. La strada resta quindi quella di proseguire negli investimenti per il passaggio dal carbone alle energie alternative completando al tempo stesso le azioni di efficientamento dell'attuale sistema, con più sensibilizzazione rispetto alle opportunità esistenti verso il consumatore, i condomini o le imprese sui territori.

Il successo delle rinnovabili è peraltro segnato, oltre che dagli accordi globali e dalle norme europee e nazionali, da criteri di razionalità economica sempre più stringenti, concetto ricordato dal direttore generale Energia del Ministero dello Sviluppo Economico, Sara Romano, per la quale se le rinnovabili andranno avanti non è per scelte imposte ma perchè tecnologie e costi di impianto oggi ridotti rappresentano una capacità di penetrazione che va da sè.

Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia