domenica 11 dicembre | 15:05
pubblicato il 02/set/2013 13:45

Effetto Siria, il prezzo della benzina torna a correre

Si rivede l'incubo dei due euro al litro

Effetto Siria, il prezzo della benzina torna a correre

Milano (askanews) - Effetti collaterali del conflitto in Siria: non solo vittime sul campo, ma anche ripercussioni sull'economia. Se da un lato le Borse hanno festeggiato il rinvio dell'intervento militare occidentale, dall'altro le pompe di benzina hanno fatto registrare ulteriori rincari del prezzo dei carburanti: e in Italia torna a vedersi lo spettro infausto dei due euro al litro. Secondo i dati di Staffetta Quotidiana, nel nostro Paese il prezzo medio della benzina verde si assesta a 1,88 euro al litro, con il diesel a 1,77 euro. E gli aumenti, questa volta, sono arrivati anche di domenica, cosa poco frequente per le compagnie petrolifere. Così, denuncia la Coldiretti, per i vacanzieri di settembre arriverà anche una mini stangata sui carburanti, non esattamente quello che servirebbe in questa fine estate di crisi.

Gli articoli più letti
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina