martedì 24 gennaio | 16:40
pubblicato il 11/mar/2016 15:33

Effetto Bce sui titoli Stato, tassi sottozero per il Btp 3 anni

Tra i paesi euro la Germania mostra tassi negativi fino a 7 anni

Effetto Bce sui titoli Stato, tassi sottozero per il Btp 3 anni

Roma, 11 mar. (askanews) - Un'altro record per i titoli di Stato. Per la prima volta nella storia un Btp viene assegnato in asta con rendimenti negativi. Si tratta del titolo a tre anni assegnato oggi dal Tesoro per un ammontare di 2 miliardi di euro. Il rendimento lordo è stato pari a -0,05%.

I tassi negativi sui titoli a medio e lungo termine sono ormai una consolidata realtà nell'area euro. In Germania i rendimenti negativi sul mercato secondario riguardano le scadenze fino a otto anni, in Olanda sette anni mentre si fermano a sei anni Francia, Austria, Belgio e Finlandia.

Per l'Italia i tassi negativi sono una scoperta recente e solo sui titoli a breve termine, i Bot a sei e 12 mesi e i Ctz zero coupon. Oggi è stato abbattuto un altro muro. Per la prima volta un Buono poliennale del Tesoro è stato assegnato con rendimento negativo. All'asta precedente il rendimento lordo era allo 0,15% mentre un anno fa viaggiava ancora intorno al mezzo punto percentuale.

I triennali poi sono particolarmente appetiti dagli investitori, dal momento che rappresentano la scadenza più corta che può essere acquistata dalla Bce nell'ambito del Quantitative easing.

Sulle scadenze a breve e medio termine l'Italia risulta con un profilo migliore rispetto alla Spagna, mentre sul lungo termine lo spread tra i rispettivi bond governativi è molto vicino. Sui Bonos a tre anni la Spagna presenta ancora rendimenti poasitivi superiori allo 0,20%.

Le aste odierne hanno scontato gli effetti delle misure annunciate ieri dalla Bce. Oltre al triennale la discesa dei rendimenti ha riguardato anche le scadenze più lunghe. Sul Btp a sette anni il rendimento è sceso di 26 punti base allo 0,79%. Solo nell'ultima asta del 2015 il rendimento lordo era sceso sotto l'1%, allo 0,98%. Fino all'estate scorsa invece si muoveva sopra l'1,50%.

Effetto Draghi anche sulla scadenza a 15 anni che per la prima volta vede scendere il tasso di interesse lordo sotto il 2%, precisamente all'1,84%, 19 punti in meno rispetto alla prima asta dell'anno. Ancora in autunno il settennale veniva assegnato in asta a rendimenti superiori al 2,60%.

Ora attesa per i prossimi collocamenti. In particolare il Btp a 5 anni che a febbraio ha visto scendere il rendimento allo 0,44% e potrebbe avvicinarsi al tasso zero. Poi il decennale che all'ultima asta è stato collocato all'1,50% ma da ieri sul secondario mostra un rendimento in area 1,30%.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4