mercoledì 22 febbraio | 07:22
pubblicato il 05/giu/2013 13:19

Editoria: Legnini, riprendere ddl Levi. Intervento pubblico delimitato

(ASCA) - Roma, 5 giu - Riprendere il disegno di legge di riforma dell'editoria di cui il primo firmatario e' Ricardo Levi. Lo ha proposto il sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega all'editoria, Giovanni Legnini, in occasione della presentazione dello studio Fieg sulla ''salute'' della stampa italiana. In ogni modo, secondo Legnini, bisogna ''avviare un progetto nuovo, che tenga conto della crisi e che si basi su un intervento pubblico delimitato ma efficace''. In particolare, il sottosegretario ha indicato nuovi strumenti normativi e finanziari per incentivare l'innovazione, un intervento sulla distribuzione e la riforma del diritto d'autore. E' evidente, ha osservato, che per realizzare ''un progetto cosi' servono risorse ma prima bisogna individuare gli obiettivi poi gli stanziamenti.

In quest'ottica dobbiamo muoverci all'interno del comparto, nel cui ambito trovare le risorse, e non solo pensare al finanziamento pubblico''.

rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia