venerdì 09 dicembre | 11:05
pubblicato il 05/giu/2013 13:19

Editoria: Legnini, riprendere ddl Levi. Intervento pubblico delimitato

(ASCA) - Roma, 5 giu - Riprendere il disegno di legge di riforma dell'editoria di cui il primo firmatario e' Ricardo Levi. Lo ha proposto il sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega all'editoria, Giovanni Legnini, in occasione della presentazione dello studio Fieg sulla ''salute'' della stampa italiana. In ogni modo, secondo Legnini, bisogna ''avviare un progetto nuovo, che tenga conto della crisi e che si basi su un intervento pubblico delimitato ma efficace''. In particolare, il sottosegretario ha indicato nuovi strumenti normativi e finanziari per incentivare l'innovazione, un intervento sulla distribuzione e la riforma del diritto d'autore. E' evidente, ha osservato, che per realizzare ''un progetto cosi' servono risorse ma prima bisogna individuare gli obiettivi poi gli stanziamenti.

In quest'ottica dobbiamo muoverci all'interno del comparto, nel cui ambito trovare le risorse, e non solo pensare al finanziamento pubblico''.

rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina