domenica 11 dicembre | 13:41
pubblicato il 04/feb/2014 20:50

Editoria: Fnsi, fondi governo non sono per ridurre organici

(ASCA) - Roma, 4 feb 2014 - La Giunta Esecutiva della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, riunita oggi a Roma, ''ha riconfermato tutto il suo impegno - come si legge in una nota della stessa Fnsi - per incoraggiare rinnovamento e sviluppo del sistema editoriale italiano, nel rispetto e nella valorizzazione dell'occupazione giornalistica, indispensabile per un'informazione professionale da elevare qualitativamente e di reale valore comunitario, oltre che industriale. E' necessario pero' rinsaldare gli elementi di credibilita' per affrontare con fiducia le trasformazioni e il futuro''. ''Con questo orientamento - prosegue il comunicato -, la Fnsi sta affrontando la stagione del rinnovo contrattuale e con sano realismo e spirito di equita' sociale esamina le situazioni di difficolta' oggettiva che si manifestano in diverse imprese. Non e' pensabile pero' che a questo atteggiamento di grande responsabilita' corrispondano, in alcuni casi, vere e proprie tentazioni di pianificazione di disagi con lo scopo di ottenere un tesserino tipo bancomat per acquisire quote di fondi per la socialita' con cui ridurre gli organici''. Dalla Giunta della Fnsi arriva dunque ''un forte richiamo alla responsabilita' agli editori e un invito alla cautela alle associazioni di stampa, ai comitati di redazione e ai colleghi perche' non siano affrontati con leggerezza propositi di ristrutturazioni o prepensionamenti. I finanziamenti all'editoria previsti per lo sviluppo e i sostegni sociali ai lavoratori e ai giornalisti delle imprese in reale difficolta' che vogliano investire sul futuro e nuove professionalita' non puo' essere un bancomat privato per alcuno. Allo stato, peraltro, la 'spendibilita'' del fondo triennale per il settore non e' ancora esecutiva, in attesa del decreto governativo che dovra' preliminarmente valutare le osservazioni e le istanze delle parti sociali sulla base di criteri di oggettivita', trasparenza ed equita'. Diffondere panico tra i lavoratori o promuovere corse verso un 'bancomat' inesistente e' profondamente sbagliato per chiunque se ne renda protagonista''.

Infine, la Fnsi ''assicura la massima assistenza sociale e sindacale a tutti i colleghi colpiti dalla crisi dell'editoria''.

com/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina