mercoledì 22 febbraio | 23:59
pubblicato il 22/feb/2013 18:38

Editoria: Fnsi, esauriti fondi prepensionamenti. Inpgi non e' discarica

Editoria: Fnsi, esauriti fondi prepensionamenti. Inpgi non e' discarica

(ASCA) - Roma, 22 feb - ''La crisi dell'editoria e' reale, le difficolta' per il lavoro crescono, le furberie e i sotterfugi per appropriarsi degli ultimi fondi disponibili per i prepensionamenti sono inaccettabili. E ancora piu' grave e' il ricorso alle minacce della disoccupazione imminente che qualche editore sta adottando anche in questi giorni per spingere i giornalisti ad accettare avventurosi e frettolosi progetti di ristrutturazione aziendale, arrivando persino a prevedere la ''tranquilla'' sostituzione del prepensionato con la cassa integrazione. Tali comportamenti sono deprecabili. La crisi ha bisogno di corresponsabilita' di editori e giornalisti, di solidarieta' e non di egoismi, di scelte industriali e editoriali credibili, di piena assunzione dei doveri del rischio di impresa e nella consapevolezza della speciale funzione di quella editoriale''. E' quanto si legge in una nota della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.

''Nel giorno in cui e' chiaro che sono esauriti (e lo saranno certamente ancora per qualche tempo) i fondi per i prepensionamenti, le ultime vicende di oggi, del Corriere dello Sport e di Tuttosport del Gruppo Amodei, dove sono state siglate intese aziendali di riduzione degli organici con prospettive di cassa integrazione senza sbocchi, se non si recupereranno i fondi per il prepensionamento, non possono essere accettate dalla Fnsi come operazioni di ordinaria gestione della crisi. Non ci puo' essere una soluzione di burocrazia sindacale, aziendale o tecnica che non tenga conto di tutti i fattori della crisi e degli elementi di sostenibilita' sociale. L'Inpgi, l'Istituto di previdenza dei giornalisti, non puo' essere considerato una discarica su cui depositare come rottami giornalisti da 58 anni in su, sollevando l'impresa da ogni sua responsabilita' - prosegue la Fnsi -. Nello specifico caso citato ma anche in tutti gli altri per i quali sono stati concessi prepensionamenti, e quindi le aziende godono o hanno goduto di risparmi posti a carico della collettivita', le autorita' di vigilanza, a cominciare da quelle ispettive del Ministero del Lavoro (e se necessario dei Carabinieri del lavoro) dovranno accertare il permanere del diritto agli ammortizzatori in presenza di utilizzazioni azzardate o irregolari di colleghi gia' pensionati in redazione o come inviati, o di finti collaboratori autonomi inquadrati fuori dalle regole del giusto compenso.

La gravita' e la portata della crisi non puo' essere scaricata sulla collettivita' in questo modo. Serve uno sforzo comune di giornalisti ed editori, fondato su ragioni e comportamenti di serieta', rigore e credibilita', che individui con lo Stato un welfare attivo per il lavoro e le garanzie per un'industria dell'informazione corretta e libera''.

''Per tutte queste ragioni la Fnsi - conclude il comunicato - ha invitato i Cdr e le Associazioni Regionali di Stampa a muoversi con grande accortezza e grande cautela davanti a proposte o minacce di ristrutturazione e disoccupazione da parte di qualsiasi editore''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech