sabato 03 dicembre | 05:54
pubblicato il 18/feb/2014 17:30

Editoria: filiera carta, incentivi e credito d'imposta per la crescita

(ASCA) - Roma, 18 feb 2014 - Incentivi all'innovazione (attuazione della disposizione sul Fondo straordinario per l'editoria contenuta nella Legge di Stabilita' 2014; rifinanziamento del credito agevolato; credito d'imposta per gli investimenti in beni strumentali); sostegno alla lettura (detrazioni fiscali per l'acquisto di libri e giornali; contributi ai giovani per la sottoscrizione di abbonamenti a quotidiani e periodici; campagne di promozione della lettura), ma, soprattutto, misure anticongiunturali (credito d'imposta per l'acquisto della carta per editori e stampatori e credito di imposta sugli investimenti pubblicitari sulla stampa): sono queste le misure per la crescita indicate dalle associazioni industriali della Filiera della carta nel corso dell'incontro odierno ''Carta, Cultura, Crescita. La Filiera per lo sviluppo del Paese''.

Le otto Associazioni promotrici - Acimga, Aie, Anes, Argi, Asig, Assocarta, Assografici e Fieg - hanno richiamato l'attenzione sulle difficolta' del settore e sull'esigenza, per superarle, di idonee misure di politica industriale.

Dopo la lettura del messaggio della Presidente della Camera, Laura Boldrini, che ha sollecitato il legislatore ad accompagnare con adeguate misure di sostegno la difficile transizione attraversata dal settore, Gianni Letta, Presidente dell'Associazione Civita, ospite dell'evento, ha sottolineato il valore della carta sotto il profilo culturale, civile ed economico e lo scrittore Ian Sansom ne ha illustrato la storia e il suo stretto legame con l'uomo.

Nel presentare i dati complessivi del comparto, Alessandro Nova dell'Universita' Bocconi ha ribadito il valore della Filiera che, pur in un momento di forte recessione, ha realizzato numeri importanti in termini di fatturato, di export e di occupazione, nonostante la forte pressione fiscale sulle imprese, la riduzione del reddito disponibile delle famiglie e il basso livello di investimenti pubblici in cultura.

Il Sottosegretario all'editoria, Giovanni Legnini, ha indicato nella leva fiscale, nell'agevolazione degli investimenti pubblicitari e nella tutela del diritto d'autore le priorita' ineludibili per il prossimo Governo.

Infine, Giulio Anselmi (Fieg), Giovanni Battista Colombo (Assografici), Paolo Culicchi (Assocarta), Antonio Greco (Anes) e Marco Polillo (Aie) hanno auspicato interventi reali, seri ed effettivi da parte del Governo, in linea con le proposte avanzate oggi.

com/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari