giovedì 19 gennaio | 14:52
pubblicato il 18/feb/2014 17:30

Editoria: filiera carta, incentivi e credito d'imposta per la crescita

(ASCA) - Roma, 18 feb 2014 - Incentivi all'innovazione (attuazione della disposizione sul Fondo straordinario per l'editoria contenuta nella Legge di Stabilita' 2014; rifinanziamento del credito agevolato; credito d'imposta per gli investimenti in beni strumentali); sostegno alla lettura (detrazioni fiscali per l'acquisto di libri e giornali; contributi ai giovani per la sottoscrizione di abbonamenti a quotidiani e periodici; campagne di promozione della lettura), ma, soprattutto, misure anticongiunturali (credito d'imposta per l'acquisto della carta per editori e stampatori e credito di imposta sugli investimenti pubblicitari sulla stampa): sono queste le misure per la crescita indicate dalle associazioni industriali della Filiera della carta nel corso dell'incontro odierno ''Carta, Cultura, Crescita. La Filiera per lo sviluppo del Paese''.

Le otto Associazioni promotrici - Acimga, Aie, Anes, Argi, Asig, Assocarta, Assografici e Fieg - hanno richiamato l'attenzione sulle difficolta' del settore e sull'esigenza, per superarle, di idonee misure di politica industriale.

Dopo la lettura del messaggio della Presidente della Camera, Laura Boldrini, che ha sollecitato il legislatore ad accompagnare con adeguate misure di sostegno la difficile transizione attraversata dal settore, Gianni Letta, Presidente dell'Associazione Civita, ospite dell'evento, ha sottolineato il valore della carta sotto il profilo culturale, civile ed economico e lo scrittore Ian Sansom ne ha illustrato la storia e il suo stretto legame con l'uomo.

Nel presentare i dati complessivi del comparto, Alessandro Nova dell'Universita' Bocconi ha ribadito il valore della Filiera che, pur in un momento di forte recessione, ha realizzato numeri importanti in termini di fatturato, di export e di occupazione, nonostante la forte pressione fiscale sulle imprese, la riduzione del reddito disponibile delle famiglie e il basso livello di investimenti pubblici in cultura.

Il Sottosegretario all'editoria, Giovanni Legnini, ha indicato nella leva fiscale, nell'agevolazione degli investimenti pubblicitari e nella tutela del diritto d'autore le priorita' ineludibili per il prossimo Governo.

Infine, Giulio Anselmi (Fieg), Giovanni Battista Colombo (Assografici), Paolo Culicchi (Assocarta), Antonio Greco (Anes) e Marco Polillo (Aie) hanno auspicato interventi reali, seri ed effettivi da parte del Governo, in linea con le proposte avanzate oggi.

com/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Netflix
Netflix, record di abbonati nel 4 trimestre, anche fuori dagli Usa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, molti batteri presenti nel neonato vengono dalla madre
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Allarme Clima, il 2016 è stato l'anno più caldo di sempre
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Cern, LHC: Federico Antinori (Infn) responsabile esperimento Alice
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale