sabato 03 dicembre | 21:20
pubblicato il 16/apr/2014 18:44

Editoria: Fieg, risorse subito per accompagnare il cambiamento

(ASCA) - Roma, 16 apr 2014 - ''Non e' immaginabile uscire dalla spirale della crisi senza il sostegno di una politica industriale. E' una richiesta giustificata dall'importanza strategica del settore''. E' quanto ha detto il Presidente della Fieg, Giulio Anselmi, oggi a Roma alla presentazione dello studio ''La Stampa in Italia 2011 - 2013'', curato dal Centro studi della Federazione. ''Il mondo dei giornali soffre gli effetti della congiuntura economica negativa - ha proseguito Anselmi - la timida ripresa economica non e' stata intercettata ancora e tutto questo rende drammaticamente urgente la trasformazione dell'editoria giornalistica sia per quanto riguarda la produzione dell'informazione che la sua veicolazione sulle diverse piattaforme con particolare riguardo a quelle mobili''. Una partita difficile, ha concluso, che tuttavia potra' essere giocata al meglio da tutti gli operatori, ''per orgoglio e senso di responsabilita'''.

I dati del rapporto, illustrati dai due Vicepresidenti Fieg, Azzurra Caltagirone e Giuseppe Ferrauto, hanno confermato il perdurare della crisi: anche nel 2013 i ricavi di quotidiani e periodici hanno registrato cali a due cifre, a fronte di una discesa dei costi contenuta. La popolazione lavorativa e' diminuita, ma il costo del lavoro e' aumentato, rendendo necessario rivedere il modello di business delle imprese. Maggiore attenzione andra' indirizzata verso i giovani giornalisti che sono il futuro del settore. Nel settore dei periodici nuove recenti iniziative dimostrano le possibilita' di sviluppo esistenti nel settore.

Il Sottosegretario Luca Lotti, a margine dell'incontro, ha dichiarato l'intenzione del Governo di accogliere le richieste della Fieg in merito all'attuazione dei decreti del Fondo per l'editoria e anticipando che parte delle risorse saranno indirizzate ai giovani.

Nell'ambito dell'incontro e' stata poi presentata la ricerca di Roberto Sommella (Agcm) dal titolo ''Un nuovo lettore, un nuovo quotidiano'', che ha fornito interessanti spunti di riflessione sul cammino intrapreso - o che deve essere intrapreso - da chi produce informazione oggi e sul radicale cambiamento di fruizione della stessa (tanto nelle modalita' che nei supporti) da parte dei lettori. A conclusione dei lavori il Sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha portato il saluto della Citta' di Roma agli editori presenti, ricordando l'importanza della stampa per la crescita e la cultura del Paese e sottolineando la valenza di un settore cosi' cruciale per la vita democratica.

com/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari