venerdì 20 gennaio | 07:19
pubblicato il 10/apr/2013 16:08

Editoria: Carta e Web, l'integrazione e' possibile

Editoria: Carta e Web, l'integrazione e' possibile

+++Anselmi (Fieg), ''Guardare il futuro stando attenti al futuro''; Peluffo, ''Incentivare lettura e riconversioni''+++.

(ASCA) - Roma, 10 apr - Incentivi all'innovazione (rifinanziamento del credito agevolato e credito d'imposta), sostegno alla lettura (detassazione dell'acquisto di libri e giornali) e misure anticongiunturali (credito carta e credito per investimenti pubblicitari sulla stampa): sono queste le richieste avanzate dalle associazioni industriali della Filiera della carta nel corso della conferenza stampa su ''Carta & Web: l'integrazione tra scelte strategiche e tecnologiche'', svoltasi oggi a Roma presso Palazzo Giustiniani al Senato. Le Associazioni promotrici - Acimga, Aie, Anes, Argi, Asig, Assocarta, Assografici e Fieg - hanno richiamato l'attenzione sui problemi e sulle difficolta' del settore e sull'esigenza di idonee misure di politica industriale, necessarie per superare una crisi economica e produttiva che si iscrive in quella piu' ampia del Paese.

Alessandro Nova, dell'Universita' Bocconi, nel presentare i dati complessivi del settore ha ribadito il valore della Filiera che, pur in un momento di forte recessione, ha realizzato un saldo positivo della bilancia commerciale di 3,7 miliardi di euro. ''Occorre guardare al futuro stando attenti al presente - ha sostenuto Giulio Anselmi, presidente della Fieg - nell'ottica dell'integrazione tra carta e web.

Chi governera' non dovra' fare regali al settore, ma sostenere la transizione al digitale, privilegiando i progetti rispetto ai soggetti, con grande attenzione alla qualita' dell'informazione''.

Nel dibattito coordinato da Virman Cusenza, direttore del ''Messaggero'', Paolo Peluffo, sottosegretario con delega all'Editoria, ha sottolineato l'importanza dei recenti interventi normativi in materia di sostegno all'editoria che moralizzano il settore e aprono la strada all'innovazione e al sostegno della domanda.

''Siamo il Paese europeo con il piu' basso sostegno pubblico all'editoria. Qui da noi il 54% della popolazione non compre neppure un libro in un anno. Bisogna incentivare la lettura.

In passato abbiamo difeso il pluralismo, ora si tratta di accompagnare la riconversione al digitale'', ha concluso Peluffo. Paolo Culicchi, Presidente di Assocarta, ha evidenziato il rischio che la rincorsa al digitale, non accompagnata da adeguate infrastrutture, comporti solo costi sociali e perdita di posti di lavoro, come avvenuto con il recente Decreto Profumo sui libri scolastici.

L'onorevole Giorgio Lainati (Pdl) e l'ex senatore Vincenzo Maria Vita (Pd) hanno infine condiviso le proposte avanzate dalla Filiera della Carta impegnandosi a sostenerle nell'attivita' parlamentare, augurandosi il rapido insediamento di un nuovo governo.

red-gar/rf/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale