venerdì 09 dicembre | 02:54
pubblicato il 10/apr/2013 16:08

Editoria: Carta e Web, l'integrazione e' possibile

Editoria: Carta e Web, l'integrazione e' possibile

+++Anselmi (Fieg), ''Guardare il futuro stando attenti al futuro''; Peluffo, ''Incentivare lettura e riconversioni''+++.

(ASCA) - Roma, 10 apr - Incentivi all'innovazione (rifinanziamento del credito agevolato e credito d'imposta), sostegno alla lettura (detassazione dell'acquisto di libri e giornali) e misure anticongiunturali (credito carta e credito per investimenti pubblicitari sulla stampa): sono queste le richieste avanzate dalle associazioni industriali della Filiera della carta nel corso della conferenza stampa su ''Carta & Web: l'integrazione tra scelte strategiche e tecnologiche'', svoltasi oggi a Roma presso Palazzo Giustiniani al Senato. Le Associazioni promotrici - Acimga, Aie, Anes, Argi, Asig, Assocarta, Assografici e Fieg - hanno richiamato l'attenzione sui problemi e sulle difficolta' del settore e sull'esigenza di idonee misure di politica industriale, necessarie per superare una crisi economica e produttiva che si iscrive in quella piu' ampia del Paese.

Alessandro Nova, dell'Universita' Bocconi, nel presentare i dati complessivi del settore ha ribadito il valore della Filiera che, pur in un momento di forte recessione, ha realizzato un saldo positivo della bilancia commerciale di 3,7 miliardi di euro. ''Occorre guardare al futuro stando attenti al presente - ha sostenuto Giulio Anselmi, presidente della Fieg - nell'ottica dell'integrazione tra carta e web.

Chi governera' non dovra' fare regali al settore, ma sostenere la transizione al digitale, privilegiando i progetti rispetto ai soggetti, con grande attenzione alla qualita' dell'informazione''.

Nel dibattito coordinato da Virman Cusenza, direttore del ''Messaggero'', Paolo Peluffo, sottosegretario con delega all'Editoria, ha sottolineato l'importanza dei recenti interventi normativi in materia di sostegno all'editoria che moralizzano il settore e aprono la strada all'innovazione e al sostegno della domanda.

''Siamo il Paese europeo con il piu' basso sostegno pubblico all'editoria. Qui da noi il 54% della popolazione non compre neppure un libro in un anno. Bisogna incentivare la lettura.

In passato abbiamo difeso il pluralismo, ora si tratta di accompagnare la riconversione al digitale'', ha concluso Peluffo. Paolo Culicchi, Presidente di Assocarta, ha evidenziato il rischio che la rincorsa al digitale, non accompagnata da adeguate infrastrutture, comporti solo costi sociali e perdita di posti di lavoro, come avvenuto con il recente Decreto Profumo sui libri scolastici.

L'onorevole Giorgio Lainati (Pdl) e l'ex senatore Vincenzo Maria Vita (Pd) hanno infine condiviso le proposte avanzate dalla Filiera della Carta impegnandosi a sostenerle nell'attivita' parlamentare, augurandosi il rapido insediamento di un nuovo governo.

red-gar/rf/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni