domenica 22 gennaio | 23:34
pubblicato il 05/giu/2013 13:40

Editoria: Anselmi, crisi drammatica, politica latitante

(ASCA) - Roma, 5 giu - Crisi generale ''particolarmente violenta'' con conseguenze sulle imprese editrici ''senza esagerazioni drammatico''. E' il grido di dolore lanciato dal presidente della Fieg, Giulio Anselmi, in occasione della presentazione dello studio sulla stampa in Italia 2010-2012.

''Da questa crisi epocale - ha sottolineato Anselmi - si puo' uscire solo con una comune strategia che si rivolga in primo luogo al governo e alla politica perche' finalmente comprendano che l'informazione e' un'industria strategica per il paese''. Da qui l'attacco di Anselmi: ''La politica - ha detto - ha praticato una troppo lunga latitanza (anche se ci sono stati segni di attenzione e altri sembrano manifestarsi). L'establishment politico ed economico, la stessa opinione pubblica non hanno sufficiente consapevolezza della realta'''.

rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4