lunedì 05 dicembre | 11:39
pubblicato il 06/set/2013 16:15

Editoria: 'Le Cuoche di Capalbio' raccontano la Maremma per ZigZag

Editoria: 'Le Cuoche di Capalbio' raccontano la Maremma per ZigZag

(ASCA) - Roma, 6 set - ''Capalbio e' diventata Capalbio attraverso quella leva potentissima che e' il cibo, oggi dovremmo dire il food e aggiungerci il wine per fare quell'endiadi fortunata che e' il 'food&wine' italiano in tutte le sue declinazioni regionali, locali, paesane, valligiane e contradaiole''. Ma tutto questo a Capalbio inizia una trentina di anni fa, quando le cuoche cominciarono a spiattare pappardelle e cinghiale, acquacotte e grigliate.

Esce nelle edizioni ZigZag 'Le Cuoche di Capalbio', che ''non e' una raccolta di ricette della tradizione gastronomica di questo angolo di Toscana'',si legge, ma e' un libro che ha preso forma quando l'amministrazione comunale di Capalbio e l'agenzia di comunicazione ZigZag hanno deciso di trasformare un piccolo premio estivo alle cuoche di Capalbio, cioe' alle mogli, alle mamme, alle nonne che si sono messe ai fornelli e hanno attinto alla memoria gastronomica, e riscoperto ricette e modi di preparazione dei cibi, in una occasione di ricerca e di storia. Cosi' Fiorella, Maria, Alma, Irma, Fosca, e i loro uomini, Maurizio, Ado, Palmiro, Alberto Tullio, svelano piccoli segreti di famiglia ripercorrendo antiche ricette e rievocano cosa si puo' nascondere in un piatto di tortelli con sugo di cinghiale o in un pollo alla maremmana... Alma, per esempio rivela come si preparano le 'Beccacce', ma ... in arrosto morto. La storia di queste cuoche e' anche la storia di 'animal spirits' imprenditoriali: se non ci fosse stata Calliope, la piccola osteria con mescita sarebbe rimasta il circolo ricreativo del Pci di Capalbio, aperto dal marito Gino Nardi, che era 'un comunista sfegatato', come ricorda il figlio che porta appunto il nome di Palmiro, e mai si sarebbe sognato di diventare un ristoratore. E invece Calliope subito intui' che il circolo ricreativo poteva diventare la fortuna sua e della sua famiglia. Aveva imparato a cucinare perche' ultima di nove figli di una famiglia di mezzadri, fu affidata gia' a nove anni, alla ricca famiglia dei Magrini di Pistoia per ''imparare a cucinare e servire'' come usava a quei tempi. Le ricette pero' nel libro ci sono: come si fa per esempio a preparare i Girasoli di Maremma con pomodori e vongole? Lo rivela Annunziata Boccagno, che da giovane voleva fare la cuoca. ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Casa
Ag. Entrate: mercato immobiliare in rialzo, nel III trim. +17,8%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari