domenica 11 dicembre | 13:00
pubblicato il 07/dic/2013 11:46

Edilizia: Confartigianato, dal 2008 persi 400 mila posti di lavoro

Edilizia: Confartigianato, dal 2008 persi 400 mila posti di lavoro

(ASCA) - Roma, 7 dic - Un 2013 buio per le costruzioni: tra settembre 2012 e settembre 2013 nel settore l'occupazione e' diminuita del 7,1%, con una perdita di 123.000 occupati. Un calo che, sommandosi a quelli registrati dal terzo trimestre 2008, porta ad una diminuzione complessiva di 400.000 occupati nel comparto dell'edilizia, pari al -20%. Lo rivela un rapporto di Confartigianato presentato oggi in occasione dell' Assemblea dell'organizzazione. 2012, al 64,4%.

Dalla rilevazione emerge un quadro con molte ombre, costellato da segni negativi: nel 2012 il valore aggiunto del settore e' diminuito del 5,8% rispetto al 2011. Ma il calo aumenta vistosamente se si estende la rilevazione al periodo pre-crisi: dal 2007 al 2012, infatti, la perdita di valore aggiunto delle costruzioni tocca il 22,2%, il calo maggiore tra i settori economici che hanno perso in media il 6,6% del valore aggiunto. In calo anche i finanziamenti alle imprese di costruzione: tra giugno 2012 e settembre 2013 la flessione e' stata del 2,8%. Credito piu' scarso, quindi, ma anche costoso, poiche' i tassi di interesse pagati dagli imprenditori del settore si attestano al 7,48%, vale a dire 1 punto in piu' rispetto alla media di quelli applicati al totale delle imprese. Contemporaneamente continua la flessione dello stock di mutui alle famiglie per l'acquisto di abitazioni: da agosto a ottobre e' diminuito dell'1%, mentre nell'area euro e' in crescita dello 0,9%. E anche per le famiglie il tasso d'interesse applicato sui mutui per comprare casa - segnala Confartigianato - e' maggiore di 54 punti base rispetto alla media dell'Eurozona: 3,31% a fronte del 2,77%. Tutto cio' influisce sulle compravendite immobiliari che a settembre 2013 registrano un calo del 6,6% rispetto all'anno precedente, il settimo calo consecutivo dal primo trimestre 2009. La diminuzione delle compravendite si traduce in un consistente stock di case invendute, pari, nel 2012, al 64,4%. Tra tanti segnali negativi, per le costruzioni qualche luce puo' accendersi grazie agli incentivi per le ristrutturazioni e la riqualificazione energetica degli edifici. Il rapporto di Confartigianato rivela infatti che, a ottobre 2013, sono 2.316.000 i proprietari di immobili orientati ad effettuare nei prossimi 12 mesi un intervento di manutenzione nella propria abitazione, e grazie alle misure introdotte dal Governo, il loro numero e' aumentato del 37,4% (+ 631.000) rispetto a ottobre dello scorso anno. ''Una boccata d'ossigeno - sottolinea Arnaldo Redaelli, Presidente di Confartigianato Costruzioni - per il comparto maggiormente colpito dalla crisi. Proprio a fronte di questa situazione, e' piu' che mai necessario rendere stabili e permanenti gli incentivi per raggiungere piu' obiettivi: rilancio delle imprese delle costruzioni, riqualificazione del patrimonio immobiliare, risparmio energetico e difesa dell'ambiente, emersione di attivita' irregolari''. com-rba

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina