venerdì 20 gennaio | 11:01
pubblicato il 07/nov/2015 11:53

Ecomondo: Lavazza e Novamont, premio per la capsula compostabile

Progetto interamente italiano realizzato dopo 5 anni di ricerca

Ecomondo: Lavazza e Novamont, premio per la capsula compostabile

Milano (askanews) - Una capsula per il caffè espresso compostabile al 100 per cento: una volta consumata, può essere raccolta con il rifiuto umido ed avviata al compostaggio industriale dove, insieme al caffè, diventa compost, ossia concime naturale per il terreno.

Il progetto - tutto italiano, e realizzato e utilizzato da due tra le più importanti aziende del made in Italy, Novamont e Lavazza - ha ottenuto a Ecomondo il "Premio Sviluppo Sostenibile 2015 per la categoria "Rifiuti e Risorse". Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile spiega così le motivazioni del riconoscimento.

"Quest'anno tra e cose più interessanti che abbiamo premiato c'è questa capsula compostabile perché avevamo rilevato che le capsule da caffè si vanno diffondendo sempre di più, e si trovano poi nella frazione umide e creano difficoltà al compostaggio. La plastica compostabile invece è una plastica biodegradabile che se si mischia al caffè, poi, va nel compost e si degrada senza problemi".

Di particolare importanza, nelle considerazioni che hanno portato al premio, sono state anche le dimensioni delle imprese coinvolte, Novamont e Lavazza, che assicurano alla capsula compostabile una diffusione davvero significativa e, quindi, un impatto positivo sull'ambiente concreto e reale. Stefania Furfori, Sustainability Specialist di Lavazza:

"Il progetto è nato proprio con l'ottica di un miglioramento dell'impatto ambientale del prodotto, e quindi per valorizzare e migliorare il prodotto nell'ambito del fine vita. Il rifiuto non è più un rifiuto fine a se stesso, ma diventa una nuova risorsa, una nuova materia prima nell'ottica di un'economia circolare".

La capsula compostabile, realizzata in Mater-Bi, ha richiesto 5 anni di studi e ricerche, spiega, Andrea di Stefano, responsabile Progetti Speciali di Novamont: "Produrre una bioplastica che sia in grado di dare le performance necessarie nel processo di erogazione del caffè è una operazione complessa, era un comparto assolutamente innovativo e quindi c'è stata una ricerca molto approfondita per raggiungere delle performance assolutamente paragonabili alla plastiche tradizionali, ma che nel fine vita dessero l'opportunità di essere smaltite nell'organico".

Gli articoli più letti
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Inps
Inps: nel 2016 uso voucher +23,9% ma con tracciabilità stop corsa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale