mercoledì 22 febbraio | 08:01
pubblicato il 15/ott/2013 12:00

Ecofin approva sistema unico europeo di sorveglianza bancaria

Adozione definitiva del testo dell'accordo con l'Europarlamento

Ecofin approva sistema unico europeo di sorveglianza bancaria

Lussemburgo, 15 ott. (askanews) - Il Consiglio Ecofin, riunito oggi a Lussemburgo, ha definitivamente approvato i due regolamenti Ue che creano il nuovo sistema unico europeo di sorveglianza bancaria (Ssm). I ministri economici hanno adottato l'accordo raggiunto in prima lettura con il Parlamento europeo nella primavera scorsa. Il meccanismo sarà gestito dalla Banca centrale europea (Bce) tramite un Consiglio di supervisione, un organismo che svolgerà le sue funzioni in modo rigorosamente separato dalla gestione della politica monetaria dell'Eurozona e congiuntamente alle autorità di supervisione bancaria degli Stati membri. La Bce, che assumerà le sue funzioni di sorveglianza 12 mesi dopo l'entrata in vigore della legislazione adottata oggi, ovvero a fine ottobre - inizio novembre 2014, sarà direttamente responsabile, in principio, per la supervisione delle banche dell'Eurozona e di quelle degli altri paesi Ue che vorranno partecipare al nuovo sistema. Nella realtà, la supervisione di molte banche minori o non "sistemiche" verrà lasciata nelle mani delle ajutorità nazionali di sorveglianza, che tuttavia agiranno per conto dellla Bce, responsabile per il funzionamento complessivo del sistema. Il Consiglio di supervisione bancaria costituito presso la Bce potrà prendere le decisioni che riterrà opportune, a meno che non vengano bocciate dal Consiglio dei governatori della stessa Bce. L'entrata in funzione del Ssm, ricorda una nota dell'Ecofin, è una precondizione abilitante affinché il Fondo salva Stati Esm possa intervenire nella ricapitalizzazione diretta delle banche in crisi. Questo per evitare che le ricapitalizzazioni siano effettuate dagli Stati in cui hanno sede le banche, andando a pesare sui loro conti pubblici e ad alimentare il cosiddetto "circolo vizioso" della crisi del debito sovrano.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia