lunedì 23 gennaio | 12:32
pubblicato il 11/feb/2016 20:03

Ecco il suono delle onde gravitazionali, la scoperta del secolo

La conversione in onde acustiche della fusione tra due buchi neri

Ecco il suono delle onde gravitazionali, la scoperta del secolo

Roma, 11 feb. (askanews) - In questa animazione diffusa dall'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare si può ascoltare la conversione in suono delle onde gravitazionali emesse dalla collisione di due buchi neri, così come sono state captate per la prima volta lo scorso 14 settembre 2015, alle 10:50:45 ora italiana, dai due strumenti gemelli Laser Interferometer Gravitational-wave Observatory (Ligo), negli Stati Uniti. La scoperta è stata annunciata oggi dalle collaborazioni scientifiche Ligo e Virgo nel corso di due conferenze simultanee, negli Stati Uniti a Washington, e in Italia a Cascina (Pisa).

I fisici hanno determinato che le onde gravitazionali rivelate sono state prodotte nell'ultima frazione di secondo del processo di fusione di due buchi neri in un unico buco nero ruotante più massiccio. Questo processo era stato previsto ma mai osservato prima. E' stato stimato che i due buchi neri avevano ciascuno circa 30 volte la massa del nostro Sole. L'evento, incredibilmente potente, ha liberato 50 volte più energia di tutte le stelle dell'universo osservabile, ed è durato solo qualche frazione di secondo.

Nelle prime due schermate dell'animazione, le frequenze di onde radio corrispondono esattamente alle frequenze delle onde gravitazionali. Le seconde due schermate dell'animazione riproducono di nuovo i suoni ma a frequenze più alte, che meglio si adattano al campo uditivo umano. L'animazione termina riproducendo di nuovo le frequenze originali. La sequenza si ripete più volte.

Man mano che i buchi neri a spirale si fanno più vicini, la frequenza delle onde gravitazionali aumenta. Gli scienziati chiamano questi suoni "trilli", perché alcuni eventi che generano onde gravitazionali suonerebbero come il cinguettio di un uccello.

Le onde gravitazionali sono increspature nel "tessuto" dello spaziotempo, perturbazioni del campo gravitazionale, arrivate sulla Terra dopo essere state prodotte da un cataclisma astrofisico avvenuto nell'universo profondo. La scoperta conferma un'importante previsione della Relatività Generale di Albert Einstein del 1915, e apre uno scenario di scoperte senza precedenti sul cosmo.

Gli articoli più letti
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Borsa
Borsa, Piazza Affari piatta a metà mattinata. Ftse Mib -0,08%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
In Sicilia i corsi per aspiranti Master of Wine
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4