venerdì 09 dicembre | 03:57
pubblicato il 22/gen/2016 09:23

Draghi ripete: non chiediamo altro capitale alle banche italiane

Sappiamo che gestione crediti deteriorati richiederà anni

Roma, 22 gen. (askanews) - Il presidente della Bce ha ribadito che da parte della vigilanza europea sulle banche non ci sono nuove richieste di accantonamenti, in particolare alle istituzioni italiane, per far fronte ai crediti deteriorati. E che l'autorità è consapevole ci vorranno anni per risolvere la questione. "Come autorità di vigilanza abbiamo fatto una valutazione approfondita (comprehensive assessment) pochi mesi fa, questa valutazione identifica pienamente tutti i crediti deteriorati e gli accantonamenti e aumenti di capitale necessari".

"Ora la vigilanza unica ha mandato questionari che appena letti sono stati visti come nuove richieste: è stato un errore - ha detto Draghi - il questionario riguarda come gestire i crediti deteriorati. E sappiamo che ci vorranno anni per gestire i crediti deteriorati".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni