giovedì 19 gennaio | 10:54
pubblicato il 22/gen/2016 09:23

Draghi ripete: non chiediamo altro capitale alle banche italiane

Sappiamo che gestione crediti deteriorati richiederà anni

Roma, 22 gen. (askanews) - Il presidente della Bce ha ribadito che da parte della vigilanza europea sulle banche non ci sono nuove richieste di accantonamenti, in particolare alle istituzioni italiane, per far fronte ai crediti deteriorati. E che l'autorità è consapevole ci vorranno anni per risolvere la questione. "Come autorità di vigilanza abbiamo fatto una valutazione approfondita (comprehensive assessment) pochi mesi fa, questa valutazione identifica pienamente tutti i crediti deteriorati e gli accantonamenti e aumenti di capitale necessari".

"Ora la vigilanza unica ha mandato questionari che appena letti sono stati visti come nuove richieste: è stato un errore - ha detto Draghi - il questionario riguarda come gestire i crediti deteriorati. E sappiamo che ci vorranno anni per gestire i crediti deteriorati".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina