giovedì 19 gennaio | 21:06
pubblicato il 12/nov/2015 10:32

Draghi rilancia su potenziamento Qe: "A dicembre non esiteremo"

Se obiettivo di stabilità Bce risultasse a rischio agiremo

Draghi rilancia su potenziamento Qe: "A dicembre non esiteremo"

Roma, 12 nov. (askanews) - Mario Draghi ha energicamente rilanciato lo scenario di un potenziamento degli stimoli all'economia della Bce a dicembre. "Non esiteremo ad agire", ha affermato durante una audizione al Parlamento europeo, se al Consiglio direttivo "dovessimo concludere che si sono materializzati rischi sui nostri obiettivi", di favorire un ritorno dell'inflazione a livelli accettabili nel medio termine.

Draghi ha fornito alcune novità, rispetto alle ipotesi che si sono succedute tra gli analisti da quando, a fine estate, iniziò a preparare il terreno ad un potenziamento della manovra. Di fatto, ha lasciato capire che una delle prime leve di intervento potrebbe essere una proroga dell'attuale piano di acquisti di titoli, originariamente concepiti per durare fino al settembre 2016. E poi ha parlato di non meglio precisati "altri strumenti", con cui rafforzare "l'impatto" delle operazioni. Forse un riferimento all'ipotesi di operare altre riduzioni sui tassi di interesse, in particolare sui depositi che le banche parcheggiano presso la Bce.

Comunque, ha rivendicato che il piano "è uno strumento particolarmente flessibile e potente".

Intanto gli ultimi dati "hanno confermato che la ripresa economica nell'area euro sta progredendo moderatamente. Finora - ha proseguito Draghi - l'attività ha mostrato un qualche grado di resistenza a fronte delle influenze esterne che tendono ad indebolire la domanda. Mentre la domanda esterna ha frenato, le quote di esportazioni sono cresciute".

"I costi dell'energia più bassi e le nostre misure di politica monetaria stanno sostenendo i consumi - ha detto - e in maniera crescente la formazione di capitale". Secondo Draghi però, al momento "sono chiaramente visibili" i rischi di indebolimento su crescita e inflazione che derivano dal quadro globale (tra i cali del petrolio e la frenata delle economie emergenti).

L'obiettivo ufficiale della Bce è avere un caro vita inferiore ma vicino al 2 per cento nel medio termine. "Monitoreremo attentamente i rischi sulla stabilità dei prezzi e valuteremo la forza e la persistenza dei fattori che rallentano un ritorno dell'inflazione" ai valori obiettivo.

"Al nostro Consiglio di dicembre, riesamineremo il livello di accomodamento monetario". E nel farlo verranno valutate sia le nuove previsioni di crescita e inflazione dei tecnici della Bce, sia le valutazioni effettuate anche con le banche centrali nazionali sull'efficacia degli stimoli operati finora.

Draghi ha quindi eloquentemente sostenuto che "come abbiamo sempre detto, nel caso non vedessimo un aggiustamento dell'inflazione coerente con i nostri obiettivi, i nostri acquisti potranno proseguire oltre il settembre del 2016". Inoltre "altri strumenti potrebbero essere attivati, se necessario, per rafforzare l'impatto di questo programma".

Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale