lunedì 27 febbraio | 20:14
pubblicato il 22/ago/2014 20:33

Draghi: politica monetaria non basta, servono riforme strutturali

(ASCA) - Roma, 22 ago 2014 - '''Il problema centrale e' di capire quali sono le nostre capacita' di influenzare la disoccupazione, cosi' Mario Draghi, presidente della Bce, nel suo intervento al forum delle banche centrali in corso a Jackson Hole (Usa). Per il numero uno dell'Eurotower, si tratta di capire quanta parte della crescita dei senza lavoro sia attribuibile '''a componenti cicliche ''' e quanto a '''componenti strutturali''.

La componente ciclica della disoccupazione puo' essere contrastata dal lato della domanda e '''la politica monetaria puo' giocare un ruolo centrale, che si traduce in una politica accomodante per un prolungato periodo di tempo. Sono fiducioso che il pacchetto di misure che abbiamo annunciato a giugno intende sostenere la domanda e siamo pronti ad ulteriori misure se fossero necessarie''. Poi il capitolo della disoccupazione strutturale, stimabile nell'Eurozona intorno al 9%, sebbene alcune ricerche dicano che era gia' alta fin dagli anni 70. '''Nessuna politica fiscale o monetaria per quanto espansiva, puo' bilanciare la necessita' di riforme strutturali nell'Eurozona''.E qui, servono riforme strutturali del '''mercato del lavoro, di quello dei prodotti'' ed azioni che migliorino nel complesso l'economia . Due le ricette proposte. La prima servono '''politiche che permettano ai lavoratori che hanno perso il lavoro di ricollocarsi velocemente riducendo il periodo di disoccupazione''. Un risultato perseguibile con '''la contrattazione dei salari decentralizzata a livello locale in modo da riflettere sia le condizioni locali del mercato del lavoro e sia la produttivita''. Poi la '''riduzione delle rigidita''' dal lato dell'ingresso e dell'uscita dal posto di lavoro ma soprattutto '''la riduzione delle dualita' nello stesso mercato del lavoro'' tra gli stessi lavoratori.

La seconda ricetta riguarda l'aumento della professionalita' della forza lavoro che rende meno intensi i periodi di lunga disoccupazione. E questo ha spiegato , Draghi, si riscontra nel fenomeno della disoccupazione giovanile (15-24 anni) '''passata dal 15% del 2007 al 24% del 2013''. Nei fatti, i giovani meno qualificati rischiano di perdere l'accesso al mercato del lavoro.

men/uda

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech