mercoledì 07 dicembre | 17:50
pubblicato il 31/mag/2011 10:30

Draghi: Paese insabbiato ma non in declino, tornare a crescita

"Discesa non ineluttabile, ritardi possono essere affrontati"

Draghi: Paese insabbiato ma non in declino, tornare a crescita

Roma, 31 mag. (askanews) - L'Italia è un paese con un'economia "insabbiata" ma non è sulla via di un "declino ineluttabile" e per questo deve concentrare gli sforzi per "tornare alla crescita". il monito con cui il governatore della Banca d'Italia, Mario Draghi, ha chiuso le Considerazioni finali, le ultime del suo mandato in Via Nazionale. "Già nel mio primo intervento pubblico da governatore - ha affermato Draghi - nel marzo del 2006, notavo come l'economia italiana apparisse insabbiata, ma che i suoi ritardi strutturali non andavano intesi quali segni di un declino ineluttabile: potevano essere affrontati, dandone conto con chiarezza alla collettività, anche quando le soluzioni fossero avverse agli interessi immediati di segmenti della società". "Poche settimane dopo - ha aggiunto il governatore - mi rivolsi a voi in questa sede con le parole di apertura 'Tornare alla crescita'. Con le stesse parole vorrei chiudere queste considerazioni finali".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: domani Cda dopo incontro Bce. Sale ipotesi intervento Stato
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Bce
Il direttorio Bce decide giovedì su proroga al piano di stimoli
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni