giovedì 08 dicembre | 07:06
pubblicato il 26/feb/2011 17:31

Draghi/ Italia stenta da 15 anni, giovani avviliti

Servono riforme più coraggiose.Taglio tasse su famiglie e imprese

Draghi/ Italia stenta da 15 anni, giovani avviliti

Verona, 26 feb. (askanews) - L'Italia è ferma, l'economia "stenta da 15 anni" e la crescita non decolla con tassi di sviluppo bassi che ancora quest'anno si attesteranno intorno all'1%. Servono quindi riforme "più coraggiose" per le famiglie e le imprese. Interventi che devono affrontare in primis il grave problema del lavoro giovanile dove vige "il minimo di mobilità e il massimo di precarietà" con tassi di disoccupazione che sfiorano il 30% e salari "fermi da oltre un decennio sotto i livelli degli anni '80". E' il severo monito del governatore della Banca d'Italia, Mario Draghi, che dal Forex, il congresso annuale degli operatori finanziari, è tornato sul tema della crescita definendola "l'obiettivo essenziale" senza il quale "non si consolida la stabilità finanziaria". Nel mercato del lavoro italiano, ha evidenziato il numero uno di Via Nazionale alla platea di banchieri e operatori riuniti a Verona, "c'è uno spreco di risorse che avvilisce i giovani e intacca gravemente l'efficienza del sistema produttivo". Ad aggravare il quadro la recessione degli ultimi anni che "ha reso più difficile la situazione", accentuando "la dipendenza, già elevata nel confronto internazionale, dalla ricchezza e dal reddito dei genitori, un fattore di forte iniquità sociale". E' necessario, inoltre, secondo Draghi, intervenire sulla pressione fiscale che in Italia supera di 3 punti quella della media degli altri Paesi europei e penalizza le imprese che non riescono ad uscire dalla loro condizione di essere "troppo piccole". Un sistema fiscale con meno evasione e aliquote più basse, secondo il governatore, "favorirebbe la decisione di aumentare la dimensione dell'impresa". Un taglio delle tasse è necessario anche per i contribuenti e a questo scopo, secondo Draghi, si dovrebbero utilizzare le maggiori entrate provenienti dalla lotta all'evasione fiscale. Un giudizio positivo, invece, è arrivato sulle misure del governo adottate con il milleproroghe sul fisco delle banche. Interventi che, ha detto, "rimuovono le distorsioni" che penalizzano l'industria bancaria italiana. La lista delle riforme da fare non finisce qua. Draghi ha sollecitato anche azioni sulla scuola e l'università dove "resta ampio" il divario "dei nostri studenti rispetto a quelli di altri paesi". Fenomeno "particolarmente grave nelle scuole del Sud". La scuola, secondo il numero uno di Bankitalia, "deve premiare il merito" e "assicurare un livello soddisfacente di istruzione a tutti i livelli". A frenare lo sviluppo in Italia anche gli alti livelli di burocrazia, soprattutto per le imprese, che collocano il Paese ai livelli più elevati delle classifiche internazionali. Infine, occorre rilanciare i consumi e andare avanti, anche dopo il 2012, con l'azione di contenimento della spesa pubblica, unica strada per ridurre il deficit.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni