domenica 22 gennaio | 23:50
pubblicato il 07/apr/2016 09:08

Draghi: Bce non si arrende a bassa inflazione, 2016 impegnativo

Misure prese aggiungono 1,5 punti a Pil eurozona su 2015-2018

Draghi: Bce non si arrende a bassa inflazione, 2016 impegnativo

Roma, 7 apr. (askanews) - Incertezza sull'economia globale. Spinte deflazionistiche. Interrogativi sul futuro dell'Europa e sulla sua resistenza a nuovi shock. "Il 2016 non sarà meno impegnativo dell'anno appena passato per la Bce", ha affermato il presidente Mario Draghi nell'editoriale del rapporto 2015 dell'istituzione monetaria.

Il documento viene presentato oggi al Parlamento europeo dal vicepresidente Vitor Constancio.

Draghi rivendica come con le forti misure di stimolo adottate "la Bce dimostra che non si arrende a una inflazione eccessivamente bassa, anche di fronte a forse deflazionistiche globali".

E secondo il capo dell'istituzione monetaria gli stimoli varati consentono di aggiungere circa 1,5 punti percentuali al prodotto interno lordo dell'area euro sul 2015-2018, mentre hanno evitato che l'inflazione cadesse a valori ancora più bassi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4