mercoledì 22 febbraio | 07:11
pubblicato il 07/apr/2016 09:08

Draghi: Bce non si arrende a bassa inflazione, 2016 impegnativo

Misure prese aggiungono 1,5 punti a Pil eurozona su 2015-2018

Draghi: Bce non si arrende a bassa inflazione, 2016 impegnativo

Roma, 7 apr. (askanews) - Incertezza sull'economia globale. Spinte deflazionistiche. Interrogativi sul futuro dell'Europa e sulla sua resistenza a nuovi shock. "Il 2016 non sarà meno impegnativo dell'anno appena passato per la Bce", ha affermato il presidente Mario Draghi nell'editoriale del rapporto 2015 dell'istituzione monetaria.

Il documento viene presentato oggi al Parlamento europeo dal vicepresidente Vitor Constancio.

Draghi rivendica come con le forti misure di stimolo adottate "la Bce dimostra che non si arrende a una inflazione eccessivamente bassa, anche di fronte a forse deflazionistiche globali".

E secondo il capo dell'istituzione monetaria gli stimoli varati consentono di aggiungere circa 1,5 punti percentuali al prodotto interno lordo dell'area euro sul 2015-2018, mentre hanno evitato che l'inflazione cadesse a valori ancora più bassi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Taxi
Taxi, Nencini: sindacati d'accordo per sospendere proteste
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia