lunedì 05 dicembre | 17:46
pubblicato il 07/apr/2016 09:08

Draghi: Bce non si arrende a bassa inflazione, 2016 impegnativo

Misure prese aggiungono 1,5 punti a Pil eurozona su 2015-2018

Draghi: Bce non si arrende a bassa inflazione, 2016 impegnativo

Roma, 7 apr. (askanews) - Incertezza sull'economia globale. Spinte deflazionistiche. Interrogativi sul futuro dell'Europa e sulla sua resistenza a nuovi shock. "Il 2016 non sarà meno impegnativo dell'anno appena passato per la Bce", ha affermato il presidente Mario Draghi nell'editoriale del rapporto 2015 dell'istituzione monetaria.

Il documento viene presentato oggi al Parlamento europeo dal vicepresidente Vitor Constancio.

Draghi rivendica come con le forti misure di stimolo adottate "la Bce dimostra che non si arrende a una inflazione eccessivamente bassa, anche di fronte a forse deflazionistiche globali".

E secondo il capo dell'istituzione monetaria gli stimoli varati consentono di aggiungere circa 1,5 punti percentuali al prodotto interno lordo dell'area euro sul 2015-2018, mentre hanno evitato che l'inflazione cadesse a valori ancora più bassi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari