domenica 04 dicembre | 11:53
pubblicato il 02/ott/2014 15:44

Draghi attacca la burocrazia: serve un anno per aprire un negozio

Mentre aspettano il via libera gli imprenditori vengono tartassati

Napoli, 2 ott. (askanews) - Inconsueto fuori campo di Mario Draghi: il presidente della Bce ha sferzato la burocrazia individuando nell'eccesso di richieste amministrative l'ostacolo al dispiegarsi degli strumenti finanziari messi a disposizione per rilanciare l'economia. Ha poco senso, ha detto, attendere che un imprenditore investa e chieda finanziamenti "quando deve attendere 12 mesi per avere l'autorizzazione ad aprire nuovo negozio, e nel frattempo viene tartassato". Draghi, nella conferenza stampa seguente il Consiglio Direttivo tenuto a Napoli, ha ricordato le iniziative prese dalla Bce per rilanciare l'economia dell'Eurozona. Le varie misure messe in campo dalla Bce in questi mesi "indubbiamente richiederanno tempo" per dare gli effetti sperati."Abbiamo deciso tante cose da giugno ad oggi, indubbiamente richiederanno tempo", ha detto citando i Tltro (i nuovi rifinanziamenti di lungo termine alle banche), i agli ai assi e il piano di acquisti di Abs e covered bond. Ad ogni modo il Consiglio direttivo resta determinato a fare altro "se dovesse riscontrare detrioramenti dei rischi legati ad un periodo eccessivamente lungo di bassa inflazione". MAZ

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari