domenica 04 dicembre | 13:16
pubblicato il 16/ott/2014 09:20

Dopo il mercoledì nero Piazza Affari apre in rialzo: +0,88%

Ieri la Borsa di Atene aveva trascinato in profondo rosso Milano ed Europa

Dopo il mercoledì nero Piazza Affari apre in rialzo: +0,88%

Roma, 16 ott. (askanews) - Dopo il Mercoledì nero sui mercati europei innescato dal crollo della Borsa di Atene, Piazza Affare apre oggi in rialzo. L'indice Ftse Mib segna un aumento dello 0,88% mentre l'All Share sale dello 0,82%. Mentre la Borsa di Tokyo ha chiuso gli scambi in netto ribasso. Il Nikkei, l'indice dei 225 titoli guida, ha perso il 2,22% scendendo a 14.738,38 punti. Un mercoledì da incubo per i mercati finanziari e l'Europa è ancora l'epicentro della bufera. La tempesta finanziaria che ha travolto la Grecia ha investito il vecchio continente. Ieri, a fine giornata il conto era salatissimo. Le Borse europee hanno bruciato quasi 260 miliardi di euro in termini di capitalizzazione sulla base del tonfo dell'indice Euro stoxx 50. Piazza Affari tra le più colpite con l'indice Ftse Mib che ha accusato uno scivolone del 4,44% e quasi 20 miliardi di euro in fumo. A innescare la turbolenza finanziaria è stata la Grecia dopo il report dell'agenzia di rating Fitch nel quale si evidenziano l'elevato livello di crediti deteriorati per le principali banche elleniche. Immediata la reazione degli investitori con la borsa di Atene in picchiata fino ad accusare un crollo dell'11% (parziale recupero con un -6,50% al termine degli scambi). Sotto pressione i titoli di Stato di Atene, quasi che nessuno volesse più "carta" di debito greco in portafoglio. Il rendimento del decennale che ieri l'altro viaggiava poco sotto il 7% ieri è schizzato a quasi l'8%, oltrepassando la soglia di allarme per la sostenibilità del debito. Tutti i mercati azionari e i titoli di Stato dei paesi periferici dell'area euro hanno sofferto pesanti perdite. Il Btp italiano ha visto risalire il rendimento a oltre il 2,40% con uno spread rispetto al Bund tedesco a 165 punti dopo aver superato quota 170. Gli investitori hanno comprato in modo massiccio Bund tedeschi ed i bond dei paesi core dell'euro. Il decennale tedesco ha segnato un nuovo minimo storico del rendimento che è sceso fino allo 0,7240%. Con un tasso di inflazione in Germania allo 0,8% anche il Bund a dieci anni presenta un rendimento reale negativo. Al contrario il Btp italiano offre un rendimento reale del 2,80% e l'appetibilità dei rendimenti dei paesi periferici fa rafforzare l'euro che torna a testare quota 1,28 sul dollaro. La debacle di mercoledì dei mercati tuttavia si inserisce in un ciclo di forte correzione ribassista scattato il 2 ottobre, giorno della riunione della Bce a Napoli che ha profondamente deluso le aspettative dei mercati. Da allora le borse europee presentano un bilancio pesantissimo, quasi 730 miliardi di euro andati in fumo. Le aspettative degli investitori sono mutate. Sempre meno credono che l'Eurotower faccia un vero intervento di quantitative easing mentre per l'economia dell'area euro aumentano i segnali di stagnazione. Forse il "faremo tutto il necessario per salvaguardare l'euro" pronunciato due anni fa da Mario Draghi necessita di un nuovo passo in avanti per tenere a galla l'economia dell'area euro. Int7

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari