sabato 21 gennaio | 01:35
pubblicato il 06/mag/2011 13:41

Dl sviluppo/ Ue: "Molto sorpresi" da concessione su spiagge

C'è già contenzioso su rinnovi 'quasi automatici' dopo 6 anni

Dl sviluppo/ Ue: "Molto sorpresi" da concessione su spiagge

Bruxelles, 6 mag. (askanews) - La Commissione europea si è detta oggi "molto sorpresa" per le misure sulla concessione per 90 anni di spiagge e altri luoghi pubblici contenute nel Dl Sviluppo. "Questo non sarebbe in linea con le regole del Mercato interno, in particolare con la direttiva servizi", ha detto la la portavoce del commissario Ue al Mercato interno Michel Barnier. "Non abbiamo ricevuto nessuna comunicazione formale dalle autorità italiane, ma dopo gli articoli visti sulla stampa oggi chiederemo loro informazioni. Se quello che è stato pubblicato dalla stampa è corretto, saremmo molto sopresi, non sarebbe in linea con le regole del mercato interno Ue", ha detto la portavoce, Chantal Hugues, rispondeno ai cronisti durante il briefing quotidiano della Commissione europea. Sulla questione più generale delle concessioni, contatti fra la Commissione e le autorità italiane sono in corso già "da un certo tempo", ha riferito la portavoce, precisando che Bruxelles ha già inviato a Roma "due lettere di messa in mora, il 29 gennaio 2009 e il 5 Maggio 2010", per avere chiarimenti. L'Esecutivo Ue è preoccupato, in particolare, ha aggiunto Chantal Hugues, per il fatto che "le concessioni in Italia sono spesso rinnovate dopo la scadenza, generalmente di sei anni, se lo richiede il titolare delle concessioni stesse: è un rinnovo quasi automatico - ha sottolineato -, senza che via sia una reale riapertura alla concorrenza". Le concessioni in questione riguardano l'offerta di servizi su spazi pubblici o terreni demaniali, come le spiagge, ma anche, ad esempio, gli spazi sulle piazze per i mercati, ha spiegato ancora la Hugues. "L'art. 12 della direttiva servizi - ha concluso la portavoce - dice chiaramente che le concessioni devono essere date per un tempo appropriato e limitato, anche se non definisce una durata specifica, e aggiunge che alla scadenza deve esserci una reale apertura alla concorrenza".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4