domenica 04 dicembre | 05:13
pubblicato il 04/ago/2014 15:01

Dl P.A., Uil: stop a pensionamenti scuola e' grottesco

Foccillo: riforme si fanno coinvolgendo le parti sociali (ASCA) - Roma, 4 ago 2014 - "La vicenda che sta interessando la pensione dei professori contenuta nel decreto sulla riforma della P.A. ha del grottesco e del paradossale. Non si puo' scherzare con la vita delle persone". Lo sottolinea Antonio Foccillo, segretario confederale Uil, commentando lo stop del governo alle norme del decreto P.A.che sbloccavano 4mila pensionamenti nelle scuole. "Prima si ammette, per questi lavoratori, l'errore contenuto nella legge Fornero, riconoscendo, dunque, il diritto e proponendo la possibilita' di poter finalmente farli andare in pensione, adesso - rileva Foccillo - il governo si tira indietro perche' non ci sarebbe la copertura necessaria e, quindi, si ritorna al passato. Se non fossero cose serie si potrebbe dire dilettanti allo sbaraglio. Noi chiediamo che finalmente si metta fine alla vicenda e si possa permettere anche ai professori di andare legittimamente in pensione".

"Per questo abbiamo sempre sostenuto che le riforme, quando sono tali, si fanno con il dovuto tempo e soprattutto coinvolgendo le rappresentanze sociali, in modo da evitare queste brutte figure", conclude il diregente Uil.

Red/Rbr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari