mercoledì 07 dicembre | 12:02
pubblicato il 08/ago/2013 11:38

Dl lavoro: ministero, oltre 190 mila Pmi interessate ad assumere

(ASCA) - Roma, 8 ago - Sono oltre 190mila (di cui 54mila operanti nel Mezzogiorno) le imprese con 1-49 addetti orientate ad utilizzare gli incentivi previsti dalla Legge di conversione del Decreto Lavoro approvata ieri in Parlamento per assumere giovani a tempo indeterminato nei prossimi 12 mesi. Si tratta del 13% delle piccole e medie imprese fino a 49 addetti. Lo comunica il ministero del Lavoro, secondo cui questo e' il principale dato che emerge da una rilevazione ad hoc eseguita dall'Unioncamere, su richiesta del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, nell'ambito dell'indagine trimestrale Excelsior. L'analisi e' diretta a valutare il grado di conoscenza degli incentivi previsti dal Decreto Lavoro presso le imprese e soprattutto il loro interesse ad utilizzarli per assumere giovani (18-29 anni) senza lavoro a tempo indeterminato o per conversioni di contratti a tempo determinato che comportino comunque un aumento complessivo del numero di occupati. Secondo quanto emerso dalla rilevazione, oltre il 76% delle imprese e' a conoscenza dell'esistenza degli incentivi, percentuale che supera l'80% per le imprese con 10-49 addetti e per le imprese esportatrici. Circa il 20% delle imprese con 10-49 addetti prevede di usare gli incentivi sicuramente o probabilmente, a fronte del 12% di quelle di piu' piccola dimensione. Le imprese esportatrici sono piu' propense ad utilizzare gli incentivi (22%) rispetto a quelle non esportatrici (12%), cosi' come quelle innovatrici, il 23% delle quali prevede di volerne usufruirne, a fronte di una quota del 12% di quelle non innovatrici. Considerando solo le imprese da 1 a 49 addetti che contano di utilizzare gli incentivi previsti dalla nuova normativa, il 38% afferma che, in mancanza di essi, non procederebbe ad alcuna assunzione (percentuale che sale al 39% per le imprese del Mezzogiorno e al 40% per le imprese con 1-9 addetti), mentre il 31% si dice pronta ad effettuare immediatamente un'assunzione che era stata programmata per il prossimo futuro. Inoltre, il 15% delle imprese ritiene che gli aiuti determineranno l'assunzione a tempo indeterminato di un giovane che, senza di essi, sarebbe stato impiegato con altra forma contrattuale (tipicamente a tempo determinato). Solo il 15% ritiene che l'assunzione a tempo indeterminato sarebbe avvenuta anche in assenza di incentivi. Tra le imprese che dichiarano di non voler utilizzare gli aiuti, la motivazione prevalente e' quella della ''non necessita''' di una nuova assunzione nei prossimi 12 mesi (88%), con una percentuale relativamente stabile nei diversi settori e per diverse dimensioni aziendali.

com-fch/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: domani Cda dopo incontro Bce. Sale ipotesi intervento Stato
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Banche, Dombrovskis: l'Italia è preparata se e quando servisse
Bce
Il direttorio Bce decide giovedì su proroga al piano di stimoli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni