giovedì 19 gennaio | 11:40
pubblicato il 08/ago/2013 11:38

Dl lavoro: ministero, oltre 190 mila Pmi interessate ad assumere

(ASCA) - Roma, 8 ago - Sono oltre 190mila (di cui 54mila operanti nel Mezzogiorno) le imprese con 1-49 addetti orientate ad utilizzare gli incentivi previsti dalla Legge di conversione del Decreto Lavoro approvata ieri in Parlamento per assumere giovani a tempo indeterminato nei prossimi 12 mesi. Si tratta del 13% delle piccole e medie imprese fino a 49 addetti. Lo comunica il ministero del Lavoro, secondo cui questo e' il principale dato che emerge da una rilevazione ad hoc eseguita dall'Unioncamere, su richiesta del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, nell'ambito dell'indagine trimestrale Excelsior. L'analisi e' diretta a valutare il grado di conoscenza degli incentivi previsti dal Decreto Lavoro presso le imprese e soprattutto il loro interesse ad utilizzarli per assumere giovani (18-29 anni) senza lavoro a tempo indeterminato o per conversioni di contratti a tempo determinato che comportino comunque un aumento complessivo del numero di occupati. Secondo quanto emerso dalla rilevazione, oltre il 76% delle imprese e' a conoscenza dell'esistenza degli incentivi, percentuale che supera l'80% per le imprese con 10-49 addetti e per le imprese esportatrici. Circa il 20% delle imprese con 10-49 addetti prevede di usare gli incentivi sicuramente o probabilmente, a fronte del 12% di quelle di piu' piccola dimensione. Le imprese esportatrici sono piu' propense ad utilizzare gli incentivi (22%) rispetto a quelle non esportatrici (12%), cosi' come quelle innovatrici, il 23% delle quali prevede di volerne usufruirne, a fronte di una quota del 12% di quelle non innovatrici. Considerando solo le imprese da 1 a 49 addetti che contano di utilizzare gli incentivi previsti dalla nuova normativa, il 38% afferma che, in mancanza di essi, non procederebbe ad alcuna assunzione (percentuale che sale al 39% per le imprese del Mezzogiorno e al 40% per le imprese con 1-9 addetti), mentre il 31% si dice pronta ad effettuare immediatamente un'assunzione che era stata programmata per il prossimo futuro. Inoltre, il 15% delle imprese ritiene che gli aiuti determineranno l'assunzione a tempo indeterminato di un giovane che, senza di essi, sarebbe stato impiegato con altra forma contrattuale (tipicamente a tempo determinato). Solo il 15% ritiene che l'assunzione a tempo indeterminato sarebbe avvenuta anche in assenza di incentivi. Tra le imprese che dichiarano di non voler utilizzare gli aiuti, la motivazione prevalente e' quella della ''non necessita''' di una nuova assunzione nei prossimi 12 mesi (88%), con una percentuale relativamente stabile nei diversi settori e per diverse dimensioni aziendali.

com-fch/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina