mercoledì 22 febbraio | 09:18
pubblicato il 23/apr/2014 17:30

Dl lavoro: Confcommercio, modifiche pessimo segnale per imprese

(ASCA) - Roma, 23 apr 2014 - ''Le modifiche al decreto lavoro passate con la fiducia alla camera sono un pessimo segnale per le imprese che attendevano semplificazioni per poter assumere senza continui rischi di sanzioni, cause e eccessiva burocrazia. Purtroppo, ancora una volta si confermano le logiche che hanno contribuito a ingessare il mercato del lavoro in questo paese che, oltre ad essere paralizzato nella flessibilita' in uscita, viene progressivamente bloccato anche nella flessibilita' in entrata''. Questo il commento di Confcommercio al testo del Dl lavoro che ha ricevuto oggi il via libera della Camera alla fiducia.

''Su due istituti tutelati e garantiti, come contratti a termine e apprendistato - prosegue la nota - erano statti fatti passi nella giusta direzione, che e' quella della semplificazione, e si poteva finalmente evitare che ogni assunzione si trasformasse in un percorso a ostacoli, invece siamo tornati indietro. Sull'apprendistato manca il coraggio di semplificare fino in fondo e sul contratto a termine si torna a ventilare il tema della precarieta', quando la disoccupazione e' ormai a livelli record e occorrono risposte urgenti. Costringere le imprese ad assumere non secondo le esigenze organizzative e di mercato, ma introducendo nuove sanzioni e favorendo cause e' una ricetta totalmente sbagliata''. ''Spiace, inoltre - conclude Confcommercio - che il Presidente del Consiglio circoscriva la discussione al fatto che le proroghe dei contratti a termine siano diventate 5 invece di 8, mentre i veri nodi sono altri e non sono dettagli.

Infatti, queste modifiche per molte imprese rischiano di diventare nuovi elementi di contenzioso e, quindi, di disincentivo a nuove assunzioni, come la sanzione della trasformazione a tempo indeterminato per le assunzioni a termine che superano il 20% dell'organico o le nuove previsioni sul diritto di precedenza per i contratti a termine. E', dunque, auspicabile che in Senato vengano apportati i necessari correttivi, altrimenti non si centrera' l'obiettivo di favorire nuove opportunita' di assunzione''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%