giovedì 08 dicembre | 23:48
pubblicato il 23/apr/2014 17:30

Dl lavoro: Confcommercio, modifiche pessimo segnale per imprese

(ASCA) - Roma, 23 apr 2014 - ''Le modifiche al decreto lavoro passate con la fiducia alla camera sono un pessimo segnale per le imprese che attendevano semplificazioni per poter assumere senza continui rischi di sanzioni, cause e eccessiva burocrazia. Purtroppo, ancora una volta si confermano le logiche che hanno contribuito a ingessare il mercato del lavoro in questo paese che, oltre ad essere paralizzato nella flessibilita' in uscita, viene progressivamente bloccato anche nella flessibilita' in entrata''. Questo il commento di Confcommercio al testo del Dl lavoro che ha ricevuto oggi il via libera della Camera alla fiducia.

''Su due istituti tutelati e garantiti, come contratti a termine e apprendistato - prosegue la nota - erano statti fatti passi nella giusta direzione, che e' quella della semplificazione, e si poteva finalmente evitare che ogni assunzione si trasformasse in un percorso a ostacoli, invece siamo tornati indietro. Sull'apprendistato manca il coraggio di semplificare fino in fondo e sul contratto a termine si torna a ventilare il tema della precarieta', quando la disoccupazione e' ormai a livelli record e occorrono risposte urgenti. Costringere le imprese ad assumere non secondo le esigenze organizzative e di mercato, ma introducendo nuove sanzioni e favorendo cause e' una ricetta totalmente sbagliata''. ''Spiace, inoltre - conclude Confcommercio - che il Presidente del Consiglio circoscriva la discussione al fatto che le proroghe dei contratti a termine siano diventate 5 invece di 8, mentre i veri nodi sono altri e non sono dettagli.

Infatti, queste modifiche per molte imprese rischiano di diventare nuovi elementi di contenzioso e, quindi, di disincentivo a nuove assunzioni, come la sanzione della trasformazione a tempo indeterminato per le assunzioni a termine che superano il 20% dell'organico o le nuove previsioni sul diritto di precedenza per i contratti a termine. E', dunque, auspicabile che in Senato vengano apportati i necessari correttivi, altrimenti non si centrera' l'obiettivo di favorire nuove opportunita' di assunzione''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni