domenica 22 gennaio | 13:26
pubblicato il 23/apr/2014 17:30

Dl lavoro: Confcommercio, modifiche pessimo segnale per imprese

(ASCA) - Roma, 23 apr 2014 - ''Le modifiche al decreto lavoro passate con la fiducia alla camera sono un pessimo segnale per le imprese che attendevano semplificazioni per poter assumere senza continui rischi di sanzioni, cause e eccessiva burocrazia. Purtroppo, ancora una volta si confermano le logiche che hanno contribuito a ingessare il mercato del lavoro in questo paese che, oltre ad essere paralizzato nella flessibilita' in uscita, viene progressivamente bloccato anche nella flessibilita' in entrata''. Questo il commento di Confcommercio al testo del Dl lavoro che ha ricevuto oggi il via libera della Camera alla fiducia.

''Su due istituti tutelati e garantiti, come contratti a termine e apprendistato - prosegue la nota - erano statti fatti passi nella giusta direzione, che e' quella della semplificazione, e si poteva finalmente evitare che ogni assunzione si trasformasse in un percorso a ostacoli, invece siamo tornati indietro. Sull'apprendistato manca il coraggio di semplificare fino in fondo e sul contratto a termine si torna a ventilare il tema della precarieta', quando la disoccupazione e' ormai a livelli record e occorrono risposte urgenti. Costringere le imprese ad assumere non secondo le esigenze organizzative e di mercato, ma introducendo nuove sanzioni e favorendo cause e' una ricetta totalmente sbagliata''. ''Spiace, inoltre - conclude Confcommercio - che il Presidente del Consiglio circoscriva la discussione al fatto che le proroghe dei contratti a termine siano diventate 5 invece di 8, mentre i veri nodi sono altri e non sono dettagli.

Infatti, queste modifiche per molte imprese rischiano di diventare nuovi elementi di contenzioso e, quindi, di disincentivo a nuove assunzioni, come la sanzione della trasformazione a tempo indeterminato per le assunzioni a termine che superano il 20% dell'organico o le nuove previsioni sul diritto di precedenza per i contratti a termine. E', dunque, auspicabile che in Senato vengano apportati i necessari correttivi, altrimenti non si centrera' l'obiettivo di favorire nuove opportunita' di assunzione''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4