mercoledì 22 febbraio | 05:20
pubblicato il 23/apr/2014 18:35

Dl lavoro: Cgil, riduce protezioni e crea complicazioni

(ASCA) - Roma, 23 apr 2014 - ''Sul ddl lavoro occorrera' discutere ogni singolo articolo perche' cosi' com'e' rischia di ridurre le protezioni e creare ancora piu' complicazioni in una materia su cui si interviene da anni senza mai ricostruire un disegno organico''. E' quanto afferma il segretario confederale della Cgil, Serena Sorrentino, in merito all'audizione presso la commissione Lavoro del Senato sul disegno di legge delega sul lavoro. Un testo, prosegue, che ''contiene cose su cui da sempre chiediamo di intervenire e che riteniamo prioritarie come la riforma delle politiche attive, quella universale degli ammortizzatori sociali, il rilancio dei servizi pubblici per il lavoro, la semplificazione delle norme e la revisione delle leggi sul mercato del lavoro che hanno solo aumentato la precarieta'''. Da qui, per la dirigente sindacale, la necessita' di un'attenta discussione sul ddl. ''Appare per questo ancora piu' sconcertante l'operazione di accorpare ben 26 disegni di legge, piu' le norme approvate dalla Camera sulle dimissioni in bianco, all'ordine del giorno dell'audizione di oggi in commissione Lavoro del Senato''. Secondo Sorrentino ''gia' cosi' la delega al governo appare ampia, in contraddizione con molte norme, e aggiungere cosi' tanti campi e argomenti ad iniziativa della sola commissione di palazzo Madama appare piu' come il tentativo di spostare la discussione su altro che di lavorare affinche' si smetta di fare uno spezzatino del mercato del lavoro e si provi a ricostruire un po' di tutele per i precari, per i lavoratori anziani espulsi dalle imprese, per i giovani che non entrano nel mondo del lavoro''. ''Se si vuole semplificare e estendere le protezioni sociali - conclude - la strada e' abbastanza semplice: ammortizzatori universali e pulizia di tutte le forme improprie di contratti. Posto che senza un necessario piano del lavoro che faccia ripartire gli investimenti non sara' possibile contrastare la disoccupazione agendo sulle sole regole''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia