domenica 04 dicembre | 21:53
pubblicato il 17/giu/2013 18:02

Dl Fare: Confindustria, buon inizio. Ora attendiamo pacchetto lavoro

(ASCA) - Roma, 17 giu - Il ''Decreto Fare'' ''e' un buon inizio di una terapia per ridare energia e fiducia alle imprese''. Confindustria commenta cosi' il provvedimento varato sabato dal governo sottolineando che ora ''attende con molto interesse il provvedimento sul pacchetto lavoro previsto nei prossimi giorni''.

''Ad un primo esame - si legge in una nota di Viale dell'Astronomia - i provvedimenti rivolti al sistema industriale sono nel complesso apprezzabili in quanto intervengono sull'emergenza credito, sugli investimenti, sugli oneri burocratici e sulla giustizia. Diverse misure richiedono pero' successivi interventi attuativi - che vanno adottati senza indugi - mentre altre, come le semplificazioni fiscali, devono essere rafforzate. In particolare la responsabilita' solidale fiscale, una norma inefficace ai fini antievasione e dannosa per le imprese, deve essere esclusa per tutte le imposte''.

''Per dare un'effettiva scossa al Paese'' Confindustria ''ritiene fondamentale che il Governo promuova adesso l'immediata riduzione del cuneo fiscale per aumentare l'occupazione e riallineare rapidamente la competitivita'''.

Per questo Viale dell'Astronomia ''attende con molto interesse il provvedimento sul pacchetto lavoro previsto nei prossimi giorni''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari